The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

E’ attivo il servizio di connessione gratuita wi-fi to coast, primo passo verso la smart city

Pescara. E’ attivo dal primo maggio il “Wi-Fi to coast” che assicurerà la copertura wireless dell’intera riviera e di altre zone limitrofe. L’iniziativa è stata presentata in una conferenza stampa a cui hanno preso parte l’assessore all’Innovazione Tecnologica Bruna Sammassimo, il responsabile dei servizi informatici del Comune Alessio Zaffiri il consigliere Riccardo Padovano che ha curato la diffusione del progetto fra gli stabilimenti balneari e Riccardo Iacobone, amministratore di Micso, la società che curerà il servizio. Le risorse sono state stanziate nel 2013 dalla Regione, assegnate ad ogni Comune, compreso Pescara che ha avuto 84.700 euro inutilizzati. Il progetto, costato circa 30.000 euro grazie all’offerta della Micso che ha fatto tutto in tempi ottimi con modalità ed economie che consentiranno ampliare il raggio di utilizzo anche ad altre zone della città. Oltre che sul litorale la wifi è fruibili anche su piazza Primo Maggio e lungo Corso Umberto che swi fi spiaggiaono punti di maggiore aggregazione della città. Per accedere bisogna collegarsi alla rete wi-fi to coast, iscriversi e poi inserire codice utente e password che verranno ricevuti via mail per navigare da tablet e smartphone. Il login darà diritto alla navigazione per 4 ore al giorno, il servizio è assicurato 24 ore su 24, la limitazione nasce dalla necessità di evitare abusi. La registrazione avviene una sola volta ed è valida un anno. Il progetto prevede l’installazione di 25 hot spot su una fascia di 200 metri di profondità per circa 6 km di estensione. Un sistema che ci permette di appoggiare altri servizi, dalla videosorveglianza, ad applicazioni per la mobilità, per il rilevamento di situazioni atmosferiche e inquinamento ambientale.

“Parliamo di wifi come sistema di fruizione al pubblico di connettività” dice Riccardo Iacobone di Micso “quella che abbiamo realizzato è una vera e propria rete telematica che ha un affaccio su internet, ma può essere di certo la porta di accesso alla smart city. Seguiremo l’ente in tutti gli sviluppi che vorrà fare tecnologicamente, ci interessa che la città possa essere all’avanguardia e che si possa avviare un cammino insieme 2.0”. “Abbiamo contattato operatore balneare per operatore” dice Riccardo Padovano “su 105 operatori in 100 hanno aderito. Questa Amministrazione dal primo giorno che si è insediata le prime cose che ha cercato di fare è portare a compimento le cose iniziate, al meglio. Nei siti degli stabilimenti il wi-fi gratuito è un servizio in più, che ci consentirà di entrare in un nuovo settore di sviluppo per il futuro”.