The news is by your side.

Pietro Smargiassi (M5S) porta il caso dei disservizi del distretto sanitario, su medico di base, di Vasto all’attenzione del consiglio regionale

Vasto. Arriva sul tavolo dell’Assessore Verì e della giunta regionale la vicenda relativa ai gravi disservizi acclarati nel distretto sanitario di Vasto relativamente al servizio sul cambio o revoca del medico di base, a renderlo noto è il consigliere regionale M5S Pietro Smargiassi che spiega: “Ho già denunciato la questione e ho potuto constatare che nulla è cambiato.

Adesso è il momento che la Giunta Regionale, ed in particolare l’Assessore Verì, si impegnino a risolvere il problema e chiedano spiegazioni al Direttore Generale Thomas Schael e al Direttore Amministrativo Giulietta Capocasa, che fino ad ora non sono stati capaci di dare alcuna risposta ai cittadini, neanche dopo la sollecitazione arrivata dal sottoscritto”. “Quella dell’Ufficio per la revoca o la scelta del medico di base a Vasto è una situazione insostenibile per i cittadini” incalza Smargiassi.

“Parliamo di un ufficio composto da due impiegati, di cui uno è andato in pensione ad aprile e non è mai stato sostituito, e l’altro è in malattia. In questo momento i lavori vengono portati avanti da un terzo professionista, al quale vanno i miei ringraziamenti, che però la Asl deve andare a prendere con un autista a Casalbordino. Altro problema riguarda l’apertura dell’ufficio e l’ordine con cui gli utenti usufruiscono dei servizi. L’orario mattutino è dalle 8.30 alle 12.30, ma invece di normali prenotazioni, sono posti sul davanzale di una finestra 25 foglietti di carta con numeri scritti a penna, che sono terminati intorno alle ore 9.10.

Chi arriva dopo è costretto a tornare a casa e dovrà riprovare la mattina seguente, con tutti i problemi che ne conseguono a livello spostamenti, costi e orari. Si tratta, di fatto, di una violazione dell’orario previsto, che non viene rispettato, oltre che di un metodo di lavoro palesemente inadeguato. A chi dobbiamo questa disorganizzazione? Chi deve intervenire e non sta alzando un dito? Attendo fiducioso una risposta dall’Assessore Verì, sicuramente non farò finire questa storia nel dimenticatoio”. Conclude.