The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Politica e religione, il Sindaco Alessandrini accoglie la catechesi di Fra Attilio Terenzio

Pescara. Sindaco, consiglieri e assessori del Comune di Pescara si sono ritrovati, nella giornata di ieri, nel palazzo del municipio, non per motivi istituzionali ma per ascoltare la parola di un frate francescano. In occasione della settimana che precede la festa di Pentecoste, il sindaco Marco Alessandrini e il Presidente del Consiglio Antonio Blasioli hanno accolto di buon grado la proposta del gruppo del Rinnovamento dello Spirito della città adriatica di seguire una catechesi tenuta da fra Attilio Terenzio, dell’ordine dei Conventuali, sul tema della politica come più alto servizio alla società civile. Il “ritiro spirituale” degli amministratori pescaresi si è sviluppato intorno a quattro temi appassionatamente illustrati dal francescano: la figuprimo-piano_marco-alessandrini-aumentiamo-la-qualit-della-vita-dei-cittadini-di-pescarara di Erode Antipa come prototipo del politico uso ad esercitare il potere a lui affidato per soddisfare i propri piaceri e la propria brama di ricchezza. Il Censimento ricordato nel Vangelo di Luca (2,1-2), la cui finalità principale era quella dell’esezione tributaria da parte dei Romani sulle popolazioni assoggettate, e il conseguente insegnamento della religione del “date a Cesare quel che è di Cesare” (Mt. 22,21a), come dovere del cittadino di contribuire all’organizzazione e al sostentamento della cosa pubblica per il bene di tutti. Terzo tema: la nascita di Gesù nei dintorni di Betlemme, per spiegare la maggiore importanza che le periferie dovrebbero avere rispetto al centro degli agglomerati urbani, là dove è l’uomo che diviene centro dell’attenzione dell’amministratore e non gli edifici e le strutture. E infine il riferimento all’episodio evangelico della fuga in Egitto della sacra Famiglia come spunto di riflessione per l’attualissima problematica dei profughi e della loro accoglienza. La catechesi di fra Attilio, che è stato parroco per oltre dieci anni in Sant’Antonio a Pescara, ha coinvolto i numerosi politici presenti in un acceso successivo dibattito di approfondimento. Tutti gli amministratori della città si sono detti soddisfatti ed edificati dall’interessante e singolare iniziativa con la speranza che se ne carpiscano frutti positivi in un miglioramento morale ed etico dell’azione istituzionale. Mirco Crisante