The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Prendeva la moglie a calci e pugni davanti ai bambini, ai domiciliari 33enne napoletano

L'uomo minacciava da tempo la moglie, una 32enne di Atri

Pineto. Questa mattina Agenti del Commissariato di Atri hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di un 33 enne napoletano, emessa dal Gip di Teramo Canosa su proposta del sostituto procuratore Medori, in aggravamento della misura del divieto di avvicinamento di cui era stato gia’ destinatario l’uomo. Da circa un anno, infatti, l’uomo aveva posto in essere una serie di comportamenti violenti e minacciosi nei confronti del coniuge, una 32enne di Atri, con la quale conviveva insieme ai figli minori di 12 e 10 anni a Pineto, arrivando a colpire piu’ volte la donna con calci e pugni anche alla presenza dei figli. L’attivita’ di indagine degli uomini del Commissariato di Atri era iniziata nel mese di giugno scorso, allorquando la donna, sfinita dalle violenze e dai soprusi del marito, aveva deciso di rivolgersi alla Polizia, raccontando episodi aberranti che si protraevano gia’ dall’agosto del 2017. In particolare aveva raccontato di lesioni subite dal marito che non aveva avuto il coraggio di denunciare, come una volta, quando il coniuge l’aveva afferrata al collo nel tentativo di soffocarla. Pochi mesi dopo, le aveva sbattuto la faccia sul lavandino del bagno, causandole un trauma contusivo al naso guaribile in 15 giorni.

 

Nel tentativo di salvaguardare la famiglia, la donna non aveva mai richiesto l’intervento delle forze dell’ordine, ma la convivenza con l’uomo era diventata via via piu’ difficile, anche in ragione di violenze fatte dinanzi alla figlia minore. La Polizia, che avviava una veloce attivita’ di indagine attraverso anche l’audizione di testimonianze di amici e parenti, e le risultanze investigative avevano condotto, in data 26 luglio, all’emissione nei confronti dell’uomo del divieto di avvicinamento alla coniuge. La violenza dell’uomo non si era placata, anche attraverso minacce di morte.