The news is by your side.

Raffica di furti in negozi del centro storico di Osimo, arrestato ladro pendolare di Chieti

L'uomo è un 63enne di Casalbordino pluripregiudicato per reati contro il patrimonio

Chieti. Sarebbe un 63enne italiano pregiudicato della provincia di Chieti il ladro pendolare che la notte del 18 luglio scorso prese di mira nove negozi del centro storico di Osimo, incurante del fatto che fossero a pochi passi dal locale Commissariato di polizia in una zona disseminata di telecamere di videosorveglianza. Grazie a una meticolosa indagine gli agenti di Osimo sono riusciti a individuare e arrestare il responsabile dei colpi, che avrebbe agito da solo: sarebbe partito dalla propria residenza abruzzese per colpire in trasferta.

In tre negozi erano stati sottratti i soldi del fondo cassa per circa mille euro. In altri sei esercizi commerciali il blitz non era riuscito: in alcuni casi il 63enne era entrato senza riuscire a prendere nulla, in altri infissi e misure di sicurezza avrebbero resistito al tentativo di effrazione. Gli elementi raccolti dalla polizia hanno permesso alla Procura di ottenere dal gip di Ancona un’ordinanza di custodia in carcere ora eseguita dagli agenti.

L’uomo arrestato dalla polizia con l’accusa di essere responsabile di una raffica di effrazioni ai danni di negozi nel centro di Osimo il 18 luglio scorso è Vincenzo Di Croce, residente a Casalbordino, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio. E’ stato ripreso a Osimo, come accertato dagli agenti del Commissariato guidato da Giuseppe Todaro, a bordo di un veicolo da due diverse telecamere di sorveglianza che lo hanno immortalato alla guida della sua stessa auto.

Il 63enne, secondo gli investigatori, agì indisturbato dalle 4 alle 6 del mattino circa, due ore nelle quali, incurante del passaggio continuo di diverse persone, avrebbe imperversato, forzando o tentando di forzare le porte d’ingresso di nove negozi, utilizzando un palanchino, un cacciavite ed una torcia che teneva celati sotto il giubbino. Grazie alle immagini ricavate dalle telecamere di videosorveglianza, e poi alle comparazioni, i poliziotti lo hanno identificato e raccolto elementi alla base dell’ordinanza di custodia in carcere eseguita ieri. L’uomo è stato bloccato in un negozio di Casalbordino e associato alla Casa Circondariale di Vasto, a disposizione della magistratura.