The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Rapina nella villetta di Lanciano, il chirurgo ai giornalisti: è stato un vero e proprio film dell’orrore

Lanciano. “E’ stato come un film dell’orrore quanto accaduto e provo una grande sofferenza interiore e se ci ripenso ogni tanto mi viene da piangere”. E’ quanto dice Carlo Martelli stamane nel letto di degenza del reparto chirurgia incontrando i giornalisti. “Io e mia moglie eravamo convinti che saremmo stati fatti fuori per questo non ho pensato cosa conservare in mente per poi riferirlo. L’assalto dei rapinatori è stato fatto con una violenza di principio, stile militare. Tornerò in quella casa perché è la mia casa ed è confinante con l’abitazione della mia famiglia di origine. Se avessi la possibilità di prendere misure di difesa di certo non acquisterei mai un’arma per sparare a qualcuno per difendermi. Non ne sono capace. Una pistola la prenderei solo per fare il tiro al piattello. Se avessi avuto in casa una pistola in quelle condizioni entrambi legati mani e piedi, certo non avrei potuto prenderla e se l’avessero trovata probabilmente sarebbero stati loro a sparare a noi”.

“L’unico malvivente che ha parlato, con un discreto accento italiano, era sanguinario e il più violento di tutta la banda. E’ stato lui a tagliare l’orecchio a mia moglie dopo avermi tirato l’ennesimo pugno che mi ha tramortito per questo non ho visto il momento dell’amputazione e solo successivamente quando mi sono ripreso ho visto il sangue zampillare dal viso di mia moglie. Un altro dei rapinatori è stato invece più gentile avendo preso una bottiglia d’acqua e due bicchieri per poterci dissetare. Io non l’ho presa perché non riuscivo a deglutire mentre mia moglie è stata imboccata da lui”.