The news is by your side.

Rapina in banca a mano armata: arrestati padre e figlia incastrati dall’esame del DNA

Castiglione Messer Raimondo. Padre e figlia, rapinatori di banca arrestati dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Pescara. I due, Antonio Tombion, 53enne, panettiere di Città Sant’Angelo (Pescara) e la figlia Roberta Tombion, (32) di Cappelle sul Tavo (Pescara), devono rispondere di rapina aggravata in concorso ai danni della Bcc di Castiglione Messer Raimondo agenzia di Elice (Pescara), commessa lo scorso 31 agosto. Dalle indagini condotte dal Nucleo Investigativo è emerso che Antonio Tombion ha ideato ed eseguito la rapina, mentre la figlia Roberta ha assunto il ruolo di complice. I carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare detentiva emessa dal Gip del Tribunale di Pescara Elio Bongrazio, su richiesta del Sostituto Procuratore Rosalba Di Stefano. A fine agosto un individuo, poi identificato come Antonio Tombion, con il viso travisato indossando un berretto con visiera, occhiali ed una calza in nylon indossata al momento dell’ingresso nell’agenzia bancaria, armato di postola, minacciò i dipendenti, impossessandosi di 25 mila euro, prima di dileguarsi a piedi, raggiungendo, come appurato dalle indagini dei carabinieri, la figlia Roberta, che era a bordo di Renault Kangoo bianco.

Dall’esame delle immagini del sistema di video sorveglianza comunale presente nell’area si è potuto infatti osservare che l’auto era transitata prima e dopo la rapina nelle immediate vicinanze dell’Istituto di credito. Le successive indagini condotte attraverso
testimonianze, servizi di osservazione e controllo discreto, supportate dall’analisi delle immagini della rapina e, da ultimo, dalle risultanze degli esami di laboratorio a cura dei Carabinieri del Ris di Roma sul berretto perso dal rapinatore durante la fuga, dal quale è scaturito riscontro positivo per il Dna degli arrestati, hanno così consentito di delineare ed avvalorare il quadro indiziario che ha poi condotto al provvedimento cautelare odierno. L’uomo è stato trasferito al San Donato, mentre la figlia è stata posta ai domiciliari.