The news is by your side.

Rapina in banca da 10 mila euro, banditi aggrediscono vigile prima della fuga

Teramo. Tre persone hanno compiuto una rapina ai danni della filiale Tercas di Alba Adriatica: uno dei malviventi ha avuto una colluttazione con una guardia municipale, ferendola in maniera lieve prima di fuggire. Il colpo è stato compiuto ieri, intorno a mezzogiorno, ai danni della filiale di Bancatercas situata in via Roma ad Alba Adriatica. Il bottino ammonta a circa a 10mila euro. Il primo. dei tre malviventi della banda, e’ entrTeramo: insegna banca Tercasato indossando un passamontagna e, simulando di avere con se’ un arma, si e’ fatto consegnare dai tre dipendenti presenti agli sportelli l’intero bottino. Il secondo bandito non e’ riuscito ad entrare in azione perche’ nel frattempo era stata disattivata la porta elettronica di accesso. Un terzo ha atteso i complici fuori in sella ad un’Aprilia Scarabeo. Tutti e tre sono poi fuggiti sul motociclo che e’ stato trovato a poca distanza, a Villa Rosa di Martinsicuro. Il mezzo e’ senza targa ed e’ posto sotto sequestro. Fra le banconote c’era anche la mazzetta civetta. I banditi se ne erano pero’ accorti e l’hanno abbandonata a poca distanza dal luogo in cui e’ stato abbandonato lo scooter. I malviventi, tutti giovani, stando alle prime testimonianze degli impiegati della filiale, avevano l’accento meridionale. Sono in corso le indagini dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Alba Adriatica e del reparto operativo di Teramo. Durante il raid, all’interno della banca erano presenti anche sei clienti. Una donna ha accusato un lieve malore ed e’ stata soccorsa dal 118. Sono state acquisite le telecamere di videosorveglianza dell’istituto bancario. Nella rapina e’ rimasto ferito lievemente un agente di polizia locale libero dal servizio, dipendente del comando di Alba Adriatica. Con atto coraggioso ha cercato di bloccare il rapinatore con il quale ha ingaggiato una colluttazione, restando lievemente ferito. Poi il bandito e’ fuggito, riuscendo a divincolarsi, passando per la porta d’emergenza antipanico.