The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Rapina in villa a Lanciano, condanne ridotte in Appello ai componenti della banda

14 anni di reclusione a esecutore materiale mutilazione a Bazzan

Lanciano. La Corte d’ Appello dell’Aquila ha parzialmente ridotto le condanne ai componenti di una banda, tutti romeni, che il 23 settembre 2018 rapinarono e picchiarono selvaggiamente nella loro villa di Lanciano i coniugi Carlo Martelli e Niva Bazzan, cui venne reciso con una roncola di 12 centimetri il padiglione auricolare destro. La procura generale aveva chiesto la piena conferma della sentenza di primo grado dell’8 ottobre 2019 del processo tenutosi a Lanciano.

Nello specifico Alexandru Bogdan Colteanu ha avuto 14 anni di reclusione rispetto ai 15 anni e 4 mesi del primo grado: l’uomo è ritenuto l’esecutore materiale della mutilazione ai danni della Bazzan. Per il capo banda Marius Adrian Martin condanna a 11 anni, con una riduzione di quattro mesi, per Aurel Ruset 8 anni e 4 mesi con una riduzione di un anno e otto mesi, Costantin Turlica 8 anni, con una riduzione di due anni, per Ion Turlica 8 anni, con una riduzione di un anno e quattro mesi, per Bogdan Ghiviziu, palo e autista, 7 anni, con la riduzione di un anno di reclusione rispetto alla condanna di primo grado. Per tutti le accuse sono di rapina pluriaggravata, lesioni gravissime, sequestro di persona e porto abusivo di arma.

Confermati invece i dieci mesi di reclusione per Gheorghe Jacota, unico libero, accusato di favoreggiamento nella fuga di Ghiviziu. Le difese hanno chiesto assoluzioni e sconti di pena. Ora si attendono le motivazioni della sentenza per eventuali ricorsi in Cassazione.