The news is by your side.

Recovery Fund, Di Pangrazio scrive alla Regione: accogliete i nostri progetti, la Marsica merita attenzione

Avezzano. Il sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, scrive alla Regione e inoltra al presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, una richiesta di un incontro urgente per accogliere le istanze del territorio marsicano sulla programmazione degli investimenti previsti dal programma di interventi del Recovery Fund. In particolare i sindaci chiedono alla Regione Abruzzo un maggiore coinvolgimento nei processi programmatici e decisionali sull’utilizzo dei fondi con un coinvolgimento formale ed operativo ed un dibattito trasparente sulle grandi priorità. 

“Apprendiamo dagli organi di stampa”, sottolinea il primo cittadino di Avezzano, “che la Regione ha redatto e presentato un programma per l’impiego delle somme del Recovery Fund destinate all’Abruzzo. Si tratta di un’opportunità paragonabile a un nuovo piano ‘Marshall’ che deve certamente essere  condivisa con le istituzioni territoriali. Per tale motivo insieme ai sindaci della Marsica, ho chiesto  un incontro urgente per presentare le necessità e i bisogni della nostra area”.

“Riteniamo che questa”, precisa Di Pangrazio, “sia un’occasione unica per organizzare la rete infrastrutturale del territorio a iniziare dalla sanità, con la costruzione del nuovo Ospedale della Marsica, la filiera agroalimentare con la rivalorizzazione del Crua, ma anche la progettazione di opere, in parte già note alla Regione, essenziali per il tessuto produttivo locale, determinanti per agganciare le reti trans europee di trasporto Ten-T, ovvero dare un senso alla Zes, la cui attuazione è essenziale per Avezzano e i Comuni della Marsica”.  

“Dobbiamo, lavorando in un’ottica di collaborazione e trasparenza”, conclude il sindaco di Avezzano, “inserire la Marsica nelle grandi reti comunitarie di trasporto e logistica e assicurare la soddisfazione di priorità strategiche necessarie alla ripartenza post pandemia. Per questo ho ritenuto necessario reiterare quanto già richiesto in data 26 settembre, sollecitando una riunione operativa da tenere al più presto”.