The news is by your side.

Recovery plan: l’Abruzzo chiede 1,3 mld per adeguamento ospedali

Verì: opportunità irripetibile per riqualificazione

Pescara. La Regione Abruzzo chiede al Ministero della Salute un miliardo e 341 milioni di euro per l’adeguamento e la ristrutturazione di tutti i presidi ospedalieri abruzzesi, programma di interventi che, dopo l’approvazione, sarà finanziato con i fondi europei del Recovery Plan. Ad annunciarlo è l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, nel corso di un incontro con gli operatori sanitari dell’ospedale di Lanciano (Chieti) che si è svolto stamani. I lavori riguarderanno le infrastrutture e gli adeguamenti alle normative antincendio e antisismica.

Nel dettaglio, per la Asl Avezzano Sulmona L’Aquila sono stati richiesti 288 milioni di euro (206 milioni per le infrastrutture, 18 per l’antincendio e 64 per l’adeguamento sismico); per la Asl Lanciano Vasto Chieti sono stati richiesti 364 milioni di euro (268 per le infrastrutture, 18 per l’antincendio e 78 per l’adeguamento sismico); per la Asl di Pescara sono stati richiesti 370 milioni (275 per le infrastrutture, 28 per l’antincendio e 67 per l’adeguamento sismico); per la Asl di Teramo, infine, sono stati richiesti 321 milioni (237 per le infrastrutture, 7 per l’antincendio e 77 per l’adeguamento sismico).

“Ogni Asl – spiega l’assessore – ha provveduto ad una ricognizione delle proprie necessità, che sono state poi elaborate dagli uffici del Dipartimento regionale Sanità e trasmesse al Ministero, nell’ambito dell’istruttoria sul Recovery Plan. Si tratta di un’opportunità irripetibile per riqualificare i nostri ospedali, il più recente dei quali risale agli anni Ottanta”. Gli interventi proposti riguarderanno anche gli attuali ospedali di Lanciano, Vasto e Avezzano, dove è già prevista la costruzione di nuovi presidi per i quali sono già disponibili 229 milioni di euro, che saranno
sbloccati dopo l’approvazione della rete ospedaliera regionale. I lavori si concentreranno su alcune porzioni dei
fabbricati esistenti, che dopo l’entrata in funzione dei nuovi nosocomi potranno essere riconvertiti ad altri
utilizzi, a partire dall’assistenza territoriale.