The news is by your side.

Regionali, D’Alessandro (Pd) a Meloni (Fi): magra figura in Abruzzo dei dirigenti abruzzesi

Pescara. I dirigenti abruzzesi di Fratelli d’Italia “fanno fare una magra figura alla loro leader Meloni che nel suo intervento ha descritto un Abruzzo da Fontamara, che evidentemente la Meloni non conosce, non sa dove è stata oggi, ma una cosa invece la conosce benissimo. Sa benissimo la Meloni, questuante con la Lega in Abruzzo per una disperata alleanza, che proprio la Lega ha tagliato i fondi alle periferie nei Comuni capoluogo abruzzese per 60 milioni di euro. Guarda caso dal suo orgoglioso accento non è uscita una parola sul furto fatto dal Governo alla nostra Regione”.

Così il deputato del Pd, l’abruzzese Camillo D’Alessandro, rispondendo al leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che nella sua visita a Pescara ha attaccato la sinistra di tenere ostaggio l’Abruzzo in relazione alla data delle elezioni regionali, dopo che l’ex governatore Luciano D’Alfonso si è dimesso in seguito all’elezione a senatore del Pd, e che le priorità per l’Abruzzo sono i collegamenti. “La Meloni”, prosegue D’Alessandro, “sa benissimo che sia con il Decreto Terremoto, sia con il Milleproroghe, sono state tradite ed abbandonate le popolazioni e le imprese nelle aree terremotate”. “A Roma la Meloni fa finta di fare opposizione al Governo, in Abruzzo vuole allearsi con i carnefici della nostra Regione, la Lega insieme ai 5Stelle”, conclude il deputato ed ex consigliere con delega ai Trasporti, prima delle politiche del 4 marzo scorso, del Consiglio regionale abruzzese.