The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Regione Abruzzo a Parigi, Mazzocca replica a Febbo: la delegazione è di sole 6 persone

L’Aquila. La delegazione abruzzese alla Conferenza sul clima di Parigi (Cop21) è costituita da 6 unità: il sottoscritto, la Dirigente regionale Iris Flacco (accreditati direttamente dal Ministero dell’Ambiente) e 4 unità di personale interno fra tecnici, amministrativi e stampa, tutti accreditati dalle Nazioni Unite. mazzoccaLe spese gravano su progetti europei che proprio nella sede della Cop21 si stanno capitalizzando: ciò significa che tali progetti sono ritenuti meritevoli di essere esposti in quanto costituiscono buone pratiche su scala mondiale. E significa anche che, grazie a tale virtù, i costi di partecipazione alla Cop21 non gravano sul bilancio regionale. Ma questo è chiaramente evincibile dalla semplice lettura degli atti pubblici e a disposizione sul sito. Inoltre, in ordine alle critiche provenienti da un esponente della vecchia maggioranza regionale (che di certo non ha brillato sul tema della cooperazione internazionale), spiace dover constatare che, invece di discutere dei risultati dell’azione di governo e del relativo rapporto costi/benefici, si mette in piedi il solito teatrino delle contumelie che lascia il tempo che trova. Evidentemente non si riesce ad andare oltre un certo (basso) livello. Passando a cose più serie, la trasmissione dell’esperienza applicata in Abruzzo in attuazione del Patto dei Sindaci è stata riconosciuta rappresentativa della ‘Multy Level governance’ e ‘bottom up strategy’, ossia: i cambiamenti climatici possono essere affrontati e prevenuti solo a livello locale, come definito dalla ultima risoluzione del Parlamento europeo e come ritenuto anche dalle Nazioni Unite che ci invitano ad una loro conferenza pubblica proprio per esporre un’applicazione di strategia che può essere replicata. A livello europeo siamo ‘best practice’ tant’è che abbiamo organizzato insieme con il Governo italiano e con la Commissione europea una serie di eventi per esporre la nostra strategia e confrontarla operativamente con quella di altre realtà a livello internazionale. Il tutto nell’ambito di un fitto e serrato programma di eventi, spalmati nell’arco di quattro giorni; la relativa agenda ed i relativi risultati sono consultabili sul link appositamente dedicato: http://www.regione.abruzzo.it/xAmbiente/index.asp?modello=climateChange&servizio=xList&stileDiv=mono&template=default&b=climatec  I risultati dell’attività condotta nell’arco di un anno, dalla Cop20 di Lima ad oggi, saranno inoltre presentati nell’ambito di un evento nazionale sabato 19 dicembre a Pescara, quando sarà avviata la consultazione dei portatori di interesse sul PACC (Piano di Adattamento ai Cambiamenti Climatici), piano regionale in corso di redazione. Ci stiamo preparando al meglio per celebrare l’ultimo evento organizzato da Regione Abruzzo sul tema “Resilient Cities, Sustainable Urban Development and Human Settlement Initiative – Green Metropolitan Solutions and Urban Infrastructure”. Sarà una ulteriore occasione per sviluppare ulteriori progettualità di sicuro beneficio per la nostra regione, dagli strategici accordi di programma con diverse realtà istituzionali internazionali per sviluppare le nostre progettualità e le tecnologie endogene agli interventi puntuali sullo sviluppo sostenibile e la rigenerazione ambientale del SIR Saline-Alento”.