The news is by your side.

Regione includa le parti sociali, si lavori su tempi e procedure. L’appello di Paolucci e Fina(Pd)

L’Aquila. “Questa mattina abbiamo tenuto un importante incontro con le parti sociali, con le quali abbiamo convenuto sul merito e sul metodo delle scelte da fare per fronteggiare questa pesante emergenza economica. Ci siederemo al tavolo regionale solo se queste saranno pienamente coinvolte”, così il capogruppo regionale Pd Silvio Paolucci e il segretario Pd Abruzzo Michele Fina che chiedono.” Si snelliscano i tempi e le procedure per cogliere rapidamente le risorse del governo centrale, bypassando approcci propagandistici e spaccature nella maggioranza che rischiano di paralizzare anche questa attività legislativa: questo deve fare il progetto di legge n. 106/2020, sui “Principi per l’adozione da parte della Regione di misure straordinarie ed urgenti per l’economia e l’occupazione”, che il Consiglio regionale dovrà esaminare a giorni”.

“Il ruolo della parti sociali è decisivo”, sottolineano Paolucci e Fina. “La Regione segua l’esempio del governo e delle altre Regioni e stabilisca un tavolo condiviso con loro per fare scelte davvero utili e incontestabili”, suggeriscono Paolucci e Fina,” un “Tavolo di concertazione dell’Economia e del Lavoro”, a guida dell’esecutivo e a costo zero per l’Ente, ma che metta insieme le associazioni di categoria più rappresentative a livello nazionale di tutti i settori economici, sindacati, Camere di Commercio, Abi Abruzzo, l’Arap, Anci e i rappresentanti del Consiglio regionale. Non servono altri luoghi, come il ventilato Gruppo di Lavoro. Per prima cosa la maggioranza deve dirci qual è il testo del progetto di legge, in quanto la Lega ha presentato un emendamento integralmente sostitutivo inaccettabile e che ha fatto girare a vuoto anche le parti sociali convocate per lunedì, solo dopo una loro netta presa di posizione. La legge deve essere utile e snella e va ricordato che la riprogrammazione delle risorse si può fare già da subito senza la norma che allunga al contrario i tempi, in quanto l’Europa si sta già dotando di strumenti e tempi molto più agili di quanto previsto dalla norma regionale depositata”.

“E’ il momento del coraggio e dell’ascolto di tutti i contributi utili. Il Pd è disponibile a fare la sua parte perché famiglie e imprese siano tutelate, ma questo testo genera tante perplessità. Alle imprese bisogna dare risorse e provvedimenti snelli e tempestivi, allargando l’accessibilità ai benefici, che nella Pdl sembra essere invece ridotti. E siamo anche l’ultima regione per quanto riguarda gli accordi circa gli ammortizzatori sociali.  Bisogna rispondere, velocemente e decisamente, al vero e proprio grido di allarme che arriva dal mondo del lavoro. In tal senso gli emendamenti già presentati dal Pd riguardano il dimezzamento dei tempi delle procedure amministrative, l’attivazione per gli ammortizzatori per quanto non previsto dalle norme nazionali, nuovi investimenti per lo “SmartWorking” e la riprogrammazione di ulteriori risorse”, concludono Fina e Paolucci,” Ma la condivisione sarà l’unica strada possibile per contribuire tutti alla ripresa e per creare un orizzonte vicino per l’Abruzzo, dopo il Coronavirus”.