The news is by your side.

ReStart, dal comitato d’indirizzo via libera a 18 milioni per L’Aquila e Campo Imperatore

L’Aquila. Ammontano a circa 18 milioni di euro i finanziamenti approvati questa mattina per la città dell’Aquila dal Comitato di indirizzo istituito presso la presidenza del Consiglio dei ministri per il coordinamento e il monitoraggio degli interventi per lo sviluppo delle attività produttive e della ricerca nel territorio del cratere sismico aquilano.   Con la riunione odierna, a cui il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ha partecipato in videoconferenza, il Comitato ha approvato finanziamenti aggiuntivi a valere sulle risorse assegnate con le delibere Cipe n. 135/2012 e n. 49/2016, per tre linee di intervento:

– 9,3 milioni per il rilancio e il potenziamento del polo di attrazione turistica del Gran Sasso;
– 3,8 milioni per la mobilità elettrica della rete viaria di prossimità dei centri storici dell’Aquila;
– 4,3 milioni per la realizzazione del collegio di merito ‘Ferrante di Aragona’.
Nello specifico, lo stanziamento per il Gran Sasso consentirà la realizzazione della cabinovia di Montecristo, la ristrutturazione dello storico albergo di Campo Imperatore, l’adeguamento del piazzale, la ristrutturazione del tunnel che collega la funivia all’albergo e la realizzazione dei sottoservizi nel comprensorio di Campo Imperatore, come previsto da Piano industriale. Lo stanziamento fa seguito alla istruttoria che il Comune sta portando avanti da due anni dedicata all’incremento delle risorse rispetto allo stanziamento originario del 2012, assolutamente insufficiente.
Le risorse riconosciute nell’ambito della mobilità elettrica, invece, consentiranno l’acquisto di quindici autobus elettrici previsti dal Piano per la mobilità sostenibile (Pums) del Comune dell’Aquila. I 15 nuovi bus si aggiungono ai 5 già in dotazione all’Ama. L’ultimo stanziamento di 4,3 milioni, infine, riguarda la realizzazione del collegio ‘Ferrante di Aragona’, in ricordo del sovrano che nel XV secolo autorizzò la nascita di uno studium (università) in città. Si tratta di un campus diffuso da realizzare nel centro storico utilizzando il patrimonio immobiliare del Comune per accogliere studenti meritevoli, in accordo con Università e GSSI. Il progetto è stato avviato nel giugno 2019.
“È una bella notizia per L’Aquila – ha commentato a margine della riunione il sindaco – Significa che questa città non si ferma e guarda avanti, anche in un periodo di grave emergenza come quella in corso. Grazie a queste risorse aggiuntive, per cui ci battiamo fin dall’insediamento, potremo procedere a realizzare concretamente quanto abbiamo previsto nel piano di sviluppo del Gran Sasso, a migliorare il trasporto pubblico incentivando allo stesso tempo l’utilizzo di sistemi e mezzi meno impattanti sull’ambiente, a muovere un ulteriore, determinante passo verso la realizzazione di una città della conoscenza in grado di attrarre, in un prossimo futuro, studenti e insegnanti meritevoli da tutto il mondo. Dobbiamo andare avanti. Il nostro lavoro deve essere concentrato sul presente, ma sempre con lo sguardo al futuro migliore che questo territorio merita di avere”.