The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Riapre l’ufficio delle Poste Italiane nel centro storico dell’Aquila a 10 anni dal sisma, Biondi: è finalmente realtà

Stamattina il taglio del nastro, presente il ministro Patuanelli e il Governatore Marsilio

L’Aquila. Poste Italiane torna, a dieci anni dal sisma dell’Aquila, nel centro storico del capoluogo abruzzese con una struttura all’avanguardia. E’ stato l’amministratore delegato, Matteo Del Fante, a inaugurare il nuovo ufficio “L’Aquila Centro Storico” in corso Vittorio Emanuele II, nel corso di un evento davanti alla nuova sede, presenti, tra gli altri, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Bondi.

“Siamo felici”, ha spiegato l’amministratore delegato di Poste, “di aver riaperto un nostro ufficio postale in pieno centro storico, contribuendo alla rinascita di una bellissima città e in particolare del suo nucleo urbano più antico”. “La riapertura delle Poste”, ha detto il ministro Patuanelli, “è un simbolo di comunità che si ritrova e che ha sofferto, le cui ferite non si rimarginano facilmente, anche per colpa di qualche lontananza da parte delle istituzioni”.

“Ampliare e rinnovare la presenza di Poste Italiane nel capoluogo abruzzese è coerente con la nostra strategia industriale”, ha aggiunto Del Fante, “che ha il suo cardine nella presenza capillare dei servizi postali ed è soprattutto in linea con i valori di inclusione e vicinanza ai cittadini e alle comunità che da sempre caratterizzano l’azienda. Sono soddisfatto per aver mantenuto la promessa in una città che è stata sempre al centro della nostra attenzione, dove siamo presenti con 16 uffici”.

“Mi auguro”, ha concluso l’amministratore delegato, “che diventi il simbolo del rilancio economico e sociale”. Il ministro Patuanelli ha rimarcato il ruolo delle Poste sui territori dove “gli sportelli non sono per le pensioni degli anziani, ma rappresentano un concetto di comunità, mantenutosi in tutti i rioni periferici che hanno perso le altre attività che consentivano agli stessi di avere una vita sociale. Gli uffici sono diventati l’unico posto dove anziani e giovani si incontrano, anche grazie alla rivoluzione tecnologica”.

“Al di là del valore fisico”, ha detto il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, “il ritorno in centro di Poste ha un altissimo valore simbolico. Non è un caso se, ad oggi, seimila persone sono rientrate in centro, non è un caso se negli ultimi mesi sono aumentate del 30 per cento le attività commerciali all’interno delle mura urbiche e che stanno per reinsediarsi numerosi uffici”. “Importante obiettivo”, ha aggiunto il sindaco, “sarà riaprire la casa di tutti gli aquilani, palazzo Margherita, sede del Comune, con il completamento del cantiere che sta donando intanto scoperte importanti”.