The news is by your side.

#Rigopiano: ascoltato in Procura dirigente Regione Abruzzo, Iovino non ricorda

Farindola. È stato ascoltato questa mattina, in Procura a Pescara, il funzionario della Regione Abruzzo Antonio Iovino, nell’ambito dell’indagine sul disastro dell’Hotel Rigopiano di Farindola. Dirigente del servizio di programmazione attività della Protezione Civile, Iovino è stato ascoltato per circa un’ora dal pm Andrea Papalia, alla presenza dei legali Cristiana Valentini, Goffredo Tatozzi e Massimo Manieri, che assistono il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta e il tecnico comunale Enrico Colangeli, due dei sei indagati. Sono stati i tre avvocati a chiedere l’audizione di Iovino, che all’epoca dei fatti era il superiore di Sabatino Belmaggio, a quel tempo responsabile dell’Ufficio Rischio Neve e Valanghe, interrogato nel maggio scorso.

Questa mattina si è parlato della mancata realizzazione, da parte della Protezione Civile, della Carta di Localizzazione dei Pericoli da Valanga, resa obbligatoria da una legge regionale. Iovino ha spiegato di non ricordare nulla in proposito, mentre Belmaggio nel corso della sua audizione aveva sostanzialmente spiegato che non c’erano risorse per la realizzazione della carta. Gli avvocati Valentini, Tatozzi e Manieri, nell’istanza presentata alla Procura Generale contro il rigetto della richiesta di trasferimento dell’inchiesta da Pescara a L’Aquila, hanno messo in luce quelle che considerano alcune contraddizioni nelle parole di Belmaggio, il quale davanti al pm aveva parlato della necessità di una cifra tra i 10 e i 70 milioni di euro per realizzare la Clpv, “quando lui stesso ha individuato in complessivi 1.300.000 euro, nella determina poi sottoposta alla Giunta a febbraio, il costo per la realizzazione della carta”. A giudizio dei tre legali, “la verità sta nel fatto che la Regione ha voluto risparmiare sulla prevenzione”.