The news is by your side.

#Rigopiano: salta a causa dello sciopero l’interrogatorio del sindaco di Farindola

Farindola. A causa dello sciopero degli avvocati indetto dal 2 al 5 maggio dall’Unione Nazionale delle Camere Penali Italiane, salta l’interrogatorio del sindaco di Farindola (Pescara) Ilario Lacchetta e del tecnico comunale, Enrico Colangeli, fissato per domani in Procura nell’ambito dell’inchiesta sulla tragedia dell’Hotel Rigopiano. Ad annunciarlo sono gli avvocati Cristiana Valentini e Goffredo Tatozzi, legali dei due indagati, che, con riferimento all’imminente interrogatorio dei propri assistiti, comunicano di aderire “in maniera convinta all’odierna astensione indetta dall’Unione Nazionale delle Camere Penali Italiane, dedicata alla tutela dei diritti degli accusati come delle vittime, pesantemente compressi dall’attuale stato del processo penale e ancor piu’ minacciati dall’imminente riforma pretesa dal governo”.

Nell’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto, Cristina Tedeschini, e dal sostituto Andrea Papalia, oltre a Lacchetta e a Colangeli, sono indagati il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, Bruno Di Tommaso, gestore dell’albergo e amministratore e legale responsabile della societa’ “Gran Sasso Resort & SPA”, Paolo D’Incecco e Mauro Di Blasio, rispettivamente dirigente e responsabile del servizio di viabilita’ della Provincia di Pescara. Gli indagati sono accusati di omicidio e lesioni colpose e di rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro.