The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Rincaro pedaggi A24 e A25, le sigle dell’autotrasporto incontrano senatori e deputati abruzzesi

Pescara. “Accogliamo con favore le richieste poste questa mattina dalle sigle che hanno organizzato l’incontro”. Così in una nota stampa Gianluca Vacca, Daniela Torto e Andrea Colletti, eletti M5S alla Camera, che hanno preso parte all’incontro che si è tenuto oggi a Pescara tra parlamentari e associazioni. “Quello dei rincari sui pedaggi è un argomento che abbiamo affrontato in Parlamento più volte”, spiega Gianluca Vacca, “abbiamo presentato una serie di interrogazioni e una lettera al Ministro, nonché vari emendamenti, al fine di chiarire le modalità di questi spropositati aumenti che incidono pesantemente sulla quotidianità dei pendolari, senza però aumentare nessun servizio.

Il tratto autostradale, in concessione a Strada dei Parchi S.p.a., ha subito un incremento percentuale del 12,89%, riprendendo una tendenza che negli ultimi anni (periodo 2010-2018) ha visto un aumento complessivo del 57,9%, nonostante crisi economica e deflazione. Una cifra assurda per i cittadini che, non solo devono percorrere da mesi un’autostrada in gran parte a corsia unica, a causa dei lavori urgenti di manutenzione in corso, ma si vedono costretti a pagare ben tre volte, e con tariffe spropositate, un’infrastruttura pubblica, che dovrebbe appartenere a loro. Le richieste poste oggi durante l’incontro dalle sigle dell’autotrasporto, quindi, non solo trovano il nostro appoggio ma rappresentano la prova che fin ora la nostra azione politica sul tema è stata coerente con le esigenze dei cittadini.” “Ricordiamo”, conclude Vacca, “che il gruppo Toto di Strada dei Parchi guadagna sulle autostrade grazie anche all’altissima percentuale di lavori affidati in house, cioè a imprese del proprio gruppo, anche a seguito dell’emendamento approvato nell’ultima legge di Bilancio che aumenta la percentuale di lavori affidabili senza gara solo per i concessionari autostradali. Un governo serio e coscienzioso deve tutelare innanzitutto utenti e cittadini, e non solo i concessionari. In questo caso bisogna verificare innanzitutto l’operato del concessionario e se i lavori di manutenzione previsti sono stati regolarmente eseguiti, e in caso di eventuale inadempienza si dovrebbe prendere in considerazione la revoca della concessione, visto che l’interesse pubblico non viene praticamente mai tutelato”. Carmela Grippa, portavoce M5S alla Camera e componente della commissione trasporti, riassume così i problemi legati alle autostrade gestite dall’imprenditore Carlo Toto: “Come componente della Commissione Trasporti seguirò il caso dell’A24 e dell’A25 con la massima attenzione. Si tratta di una situazione anomala: nel corso degli anni, una raffica di ritocchi al rialzo ha inserito queste due autostrade nella triste classifica delle più costose d’Italia. Il recente aumento ai pedaggi del 12,89% è stratosferico, ingiustificabile rispetto alla media nazionale dei rincari, pari al 2,79%”. La Grippa sottolinea inoltre l’inerzia della politica sul problema e la necessità di concretizzare soluzioni: “Alle promesse del presidente D’ Alfonso è seguito un nulla di fatto. Le richieste che le associazioni di categoria hanno rivolto a noi abruzzesi eletti in Parlamento non possono cadere nel vuoto: il nostro sforzo deve essere anzi quello di individuare ulteriori soluzioni e proposte”, conclude la pentastellata, “per alleviare le sofferenze degli autotrasportatori, già gravati da una lunghissima crisi economica”.