The news is by your side.

Riscaldamento riparato: Consiglio regionale approva legge trasporti, testo unico sport e riforma IAT

L’Aquila . Riparato il guasto al sistema di riscaldamento nell’aula consiliare di palazzo dell’Emiciclo la seduta ordinaria del Consiglio regionale si è aperta regolarmente, anche se in ritardo rispetto al programma. Il Consiglio regionale ha approvato il Testo Unico in materia di Sport e Impiantistica sportiva, una norma finalizzata a semplificare e riordinare la normativa in materia di sport, armonizzando e coordinando le due leggi regionali che disciplinano la materia, operando una razionalizzazione dei procedimenti amministrativi ivi contenuti e introducendo nuove disposizioni, più rispondenti alle mutate esigenze provenienti dalla cittadinanza e dal mondo dello sport, nella logica di trasparenza della pubblica amministrazione, di una chiara percezione delle politiche regionali in materia e delle disposizioni che danno loro attuazione. In particolare il progetto di legge in questione mira a sostituire, integralmente, il precedente Testo Unico in materia di Sport ed Impiantistica Sportiva approvato con legge regionale n.20 del 07/03/2000, aggiornandolo ed al contempo integrandolo con i dettami e le provvidenze previste con l’art.183 della legge regionale n.6 del 08/02/2005, riservata ai contributi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva per le persone diversamente abili, in modo tale da definire, una volta per tutte, un vero e proprio Testo Unico in materia di sport ed impiantistica sportiva.

Approvato a maggioranza anche il progetto di legge sulle “Disposizioni in materia di trasporto pubblico locale” un provvedimento che ha lo scopo di garantire la continuità dei servizi di trasporto pubblico su gomma e su ferro nelle more della definizione dei procedimenti di affidamento già avviati. La norma approvata dispone che i servizi automobilistici di trasporto pubblico locale esercitati in base a concessioni rilasciate ai sensi della legge regionale n.62/1983 e non più assistiti da contributi o corrispettivi a carico del bilancio regionale a partire dal 1 gennaio 2018, sono prorogati fino al 31 dicembre 2018. Entro tale termine, ai concessionari di servizi, ovvero alle società dagli stessi controllate, viene rilasciato, su istanza, il corrispondente titolo autorizzativo in luogo della concessione. A partire dal 1 gennaio 2018, i servizi automobilistici di tpl esercitati in base a concessioni rilasciate ai sensi della legge n.62/1983 non saranno comunque oggetto di contributi o corrispettivi a carico del bilancio regionale. Approvata la norma che consente alla Regione Abruzzo di trasferire ai comuni ogni dotazione strutturale e infrastrutturale (attrezzature, macchinari, software, arredi) ivi compresi l’uso in comodato gratuito delle sedi di proprietà regionale degli attuali 24 uffici IAT (Punti di informazione e accoglienza turistica) regionali. La regione continuerà a sostenere, per un massimo di tre anni, i costi di gestione delle strutture, nel limite massimo calcolato sulla media dei costi sostenuti negli ultimi tre anni da ogni ufficio. Ulteriori incentivi regionali potranno essere previsti in favore delle D.M.C., P.M.C. Pro-Loco, per sostenere la eventuale gestione dei punti IAT. La regione potrà inoltre autorizzare gli IAT a svolgere attività di vendita, biglietteria e merchandising, oppure vendita di prodotti tipici ed altri generi, nel rispetto della normativa vigente in materia. Alla regione Abruzzo restano le funzioni di direzione e coordinamento e controllo della qualità del sistema informativo turistico regionale secondo le linee guida e gli standard definiti dalla giunta regionale.