The news is by your side.

Rsa di Pratola Peligna, i sindacati chiamano in causa Regione e Asl: tempi celeri per la realizzazione

Pratola Peligna. I sindacati intervengono sulla realizzazione della Rsa di Pratola Peligna e chiedono certezza sull’effettivo impegno a Regione Abruzzo e alla Asl1.  Per tali ragioni la Cgil e la Funzione Pubblica Provinciali, la Lega SPI Area Peligna, con lettera firmata dai segretari Francesco Marrelli, Anthony Pasqualone e Enio Mastrangioli, hanno richiesto la convocazione di un incontro congiunto alla Asl e al sindaco di Pratola Peligna.

“La Cgil, La Fp e lo Spi”, si legge nella lettera a firma di Marrelli, Pasqualone e Mastrangioli, “esprimono la propria soddisfazione per il riavvio del procedimento finalizzato alla realizzazione della struttura, anche grazie alle sollecitazioni effettuate dal Sindacato agli inizi di quest’anno – con comunicati stampa e richieste d’incontro alla Commissione Regionale Sanità – a fronte di un incomprensibile silenzio sulla problematica durato oltre tre anni dalla firma della Convenzione Comune-Asl. Ricordiamo che, per l’intervento, la Regione Abruzzo ha stanziato tre milioni di euro per il lavori di adeguamento sismico e razionalizzazione degli spazi interni, con l’obiettivo finale di realizzare un totale di 60 posti letto e una struttura dotata di medici, infermieri e altre figure professionali necessarie per espletare le prestazioni previste”.

“Dalle notizie non ufficiali allora in nostro possesso”, precisano, “sembrava che risultassero insufficienti i tre miliardi messi a disposizione, per la necessità di ulteriori risorse utili per interventi di adeguamento e messa in sicurezza sismica dell’immobile individuato e concordato. Dalla Asl e dal sindaco di Pratola Peligna si rende necessario capire se sono state messe a disposizione ulteriori risorse, oppure sono state individuate altre soluzioni per la concreta realizzazione della struttura, la cui importanza ha una rilevanza straordinaria per la Valle Peligna a causa delle carenze di strutture residenziali per gli anziani e le persone non autosufficienti, attualmente costrette a ricoverarsi in strutture pubbliche a notevoli distanze, oppure in strutture private dai costi insostenibili per le famiglie”.

“Per queste ragioni”, concludono, “riteniamo necessario che si proceda celermente, con indicazione di tempi certi per la realizzazione della Rsa. Dalla Asl e dal sindaco di Pratola Peligna, con l’incontro richiesto, ci aspettiamo risposte concrete”.