The news is by your side.

Scrittura e immagine, tante novità al Festival di Pescara con trenta film in programma

festival scritturaPescara. Torna a Pescara Il Festival internazionale “Scrittura e Immagine” arrivato alla sua 25a edizione. Stavolta molti cambiamenti, primo fra tutti lo spostamento delle proiezioni al Mediamuseum. Il festival si svolgerà dal 9 al 20 novembre nella Sala Flaiano del museo con 30 film provenienti da ben 15 Paesi.
La manifestazione si suddividerà in due parti. La prima settimana sarà dedicata al musicista e compositore Alessandro Cicognini scomparso venti anni fa, in collaborazione con il CRESNAC (Centro Ricerche e Studi Nazionale Alessandro Cicognini) presieduto da Davide Cavuti, mentre la seconda settimana si terrà la rassegna cinematografica “Scrittura e Immagine”.
Nell’omaggio a Cicognini, oltre alla presenza di film da lui musicati, come “Prima comunione”, “Guardie e ladri”, “Pane amore e fantasia”, saranno proiettati anche alcuni documentari musicali (Nino Rota, Michael Nyman e Igor Stravinsky compositore a Hollywood) e “Muti da ascoltare”, oltre ai film più famosi di Charlie Chaplin, Buster Keaton, Stanlio e Ollio, Fritz Lang, musicati da artisti contemporanei come Nicola Piovani, Stefano Bollani, Avion Travel e Giorgio Moroder.
A seguire, nel corso della Rassegna “Scrittura e Immagine” ci si sposterà maggiormente sulla contemporaneità, con le proiezioni di film e documentari di indubbio valore artistico, come ad esempio “José e Pilar”, un documentario coprodotto dai fratelli Almodovar in cui si segue il Premio Nobel José Saramago e sua moglie, la giornalista Pilar del Rio, in scene di vita quotidiana e professionale. O anche “The Wolfpack”, il documentario vincitore all’ultimo Sundance Film Festival: la storia vera di sette fratelli segregati per anni dal padre-padrone in un appartamento di Manhattan, cresciuti a “pane e cinema”. Andrea Micalone