The news is by your side.

Scuola 2020, la Provincia di Teramo al lavoro per organizzare la riapertura

Teramo. A partire dal pomeriggio, quando in modalità remota il tavolo regionale e le istituzioni abruzzesi si confronteranno con la ministra Azzolina è prevista una serie di incontri per mettere a punto l’organizzazione del nuovo anno scolastico. Al centro del confronto gli spazi da riorganizzare, i lavori da effettuare per garantire il distanziamento sociale, i tempi e l’eventuale reperimento di nuove aule. Lo rende noto la Provincia di Teramo, ricordando che l’ente gestisce 29 istituti scolastici superiori in otto poli territoriali: Teramo, Atri, Giulianova, Nereto, Sant’Egidio, Montorio, Castelli e Roseto degli Abruzzi. Alla Provincia è stata assegnata dal Ministero dell’Istruzione una dotazione di 750 mila euro per far fronte alle spese per gli interventi necessari all’adeguamento funzionale.

Domani, alle ore 12, sempre in modalità remota, si occuperanno dell’argomento i quattro presidenti di Provincia in un direttivo dell’Upa. Giovedì, alle ore 17, in via Milli, si svolgerà una riunione tecnica con i dirigenti scolastici per raccogliere le esigenze e le proposte dei diversi Istituti. Per venerdì, alle ore 9.30, alla Sala Polifunzionale di via Comi a Teramo, è prevista una Conferenza di servizi indetta congiuntamente dalla Provincia e dall’Ufficio Scolastico Provinciale: in questo caso oltre ai dirigenti scolastici sono stato invitati anche i sindaci “per una approfondita analisi delle criticità che insistono sul territorio provinciale, con particolare riferimento agli spazi e all’edilizia allo scopo di individuare modalità, interventi e soluzioni”.

“Garantire in sicurezza e con meno disagi possibili il rientro a scuola – dichiara il presidente della Provincia, Diego Di Bonaventura – assoluta sinergia d’intenti con l’Ufficio Scolastico Provinciale in questo senso. Al di là delle valutazioni personali e politiche noi siamo chiamati ad un ruolo di servizio che in questo caso risponde ad una esigenza indifferibile: riaprire le scuole, far tornare studenti, professori e addetti dentro strutture che, necessariamente, saranno governate con nuove regole per allontanare i rischi di diffusione di nuovi contagi. Non è un compito semplice e può essere svolto solo se tutta la filiera dei servizi pubblici, penso anche al trasporto, lavora in maniera coordinata e ascoltandosi. Decisive, quindi, le riunioni di questa settimana”.