The news is by your side.

Scuola, M5S: “dall’ Azzolina azione concrete per la riapertura”

Roma. “Non possiamo che esprimere soddisfazione per le parole della ministra Lucia Azzolina davanti alla VII commissione in Senato sulle iniziative connesse all’emergenza covid-19 e sull’avvio del prossimo anno scolastico. Fra i vari temi toccati merita di essere evidenziato lo stanziamento di 236 milioni di euro, a valere sui fondi PON, che serviranno ad aiutare oltre 750mila studenti per acquistare libri scolastici digitali e cartacei, dizionari, dispositivi digitali, e altri materiali didattici. Inoltre, accanto all’impegno degli ultimi mesi per bandire i concorsi che porteranno all’immissione in ruolo di 78.000 docenti, è in corso di
perfezionamento la richiesta al MEF di oltre 80.000 assunzioni a tempo indeterminato di personale docente per
l’anno scolastico 2020/2021. Una cifra importantissima per combattere il problema della ‘supplentite’. È
importante poi l’azione annunciata dalla ministra volta a caldeggiare la possibilità di svolgere test sieriologici su
tutto il personale scolastico, in vista dell’inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico. Una misura sulla quale
deve ovviamente lavorare il Ministero della salute, per definire modalità e tempistiche. Bene infine l’impegno
sulla sburocratizzazione, per il rinnovo degli arredi scolastici e per gli interventi di edilizia leggera, misure
funzionali al distanziamento ma anche all’innovazione didattica. Su questo fronte è strategica la scelta della
ministra di avvalersi dell’esperienza di Domenico Arcuri per le forniture e l’acquisto dei beni strumentali, come
ad esempio i banchi singoli. Ma anche l’attribuzione di poteri straordinari commissariali ai sindaci, affinché le
procedure di spesa siano portate a termine in modo veloce ed efficace. Ribadiamo la nostra soddisfazione ed
l’impegno a supportare ogni azione si renda necessaria in Parlamento, a partire dal prossimo Decreto
Semplificazioni”. Così in una nota gli esponenti del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura al Senato