The news is by your side.

#Scuolesicure: al via il progetto di contrasto alla droga a Chieti

Chieti. Al via il progetto #scuolesicure a Chieti. L’appello del sindaco Di Primio, “ragazzi non sprecate la vostra vita: l’erba è solo roba da conigli”.

Il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, e il Prefetto della provincia di Chieti, Giacomo Barbato, questa mattina, presso la sede della Prefettura di Chieti, hanno sottoscritto il Protocollo d’Intesa “Scuole Sicure 2020/21” finalizzato alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli edifici scolastici. Il Ministero dell’Interno ha riconosciuto, infatti, al Comune di Chieti un contributo di 29.650,34 euro finalizzato all’acquisto di sistemi di videosorveglianza nelle aree limitrofe ai plessi scolastici, all’intensificazione dei controlli da parte della Polizia Municipale nelle aree pertinenti le scuole secondarie di primo e secondo grado, nonché ad iniziative formative inerenti la prevenzione e il contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti.

“Oggi abbiamo portato in porto un progetto che darà più sicurezza ai cittadini e ci aiuterà a combattere lo spaccio di stupefacenti in città”, ha commentato il Sindaco Di Primio. “Con il Prefetto della provincia di Chieti, Giacomo Barbato, questa mattina abbiamo infatti sottoscritto, in Prefettura, il Protocollo d’Intesa “Scuole Sicure 2020/21”. Un progetto indirizzato soprattutto ai giovani, affinché diventino consapevoli che la droga non deve essere usata. L’obiettivo è rendere tutta la città più sicura ed è per questo che il nostro progetto non riguarderà solo le scuole ma anche la riattivazione di 40 telecamere fisse e 7 sistemi di controllo e archiviazione delle immagini da installare su tutto il territorio che saranno messe a rete e controllate dalla Polizia Locale che al contempo farà attività di informazione all’interno delle scuole. Considerata la Relazione annuale al Parlamento sul fenomeno delle tossicodipendenze in Italia, pubblicato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche Antidroga, secondo 1a quale il 25,6% della popolazione studentesca ha assunto almeno una sostanze illegale nell’ultimo anno le iniziative formative, declinate in campagne educative, saranno prevalentemente rivolte agli studenti del biennio degli Istituti secondari di II grado, proprio
in virtù della funzione preventiva di tale attività. Le azioni di contrasto, invece, saranno rivolte, prioritariamente, agli studenti del secondo biennio e dell’ultimo anno degli Istituti secondari di II grado, attraverso, principalmente, il ricorso a sistemi di videosorveglianza wireless in cloud, sistema, cioè, che permette di registrare le immagini, inviandole a un sistema di salvataggio dei dati. Le telecamere verranno installate sia nei pressi dell’ingresso delle Scuole che in aree limitrofe già attenzionate dalle forze dell'ordine e saranno collocate nel rispetto delle circolari del Ministero dell’Interno del 2 marzo 2012 e in conformità del disciplinare tecnico. Contestualmente, la Polizia Locale effettuerà un servizio settimanale di sorveglianza negli orari di ingresso/uscita degli studenti. Si prevede, altresì, d’intesa con le Dirigenze scolastiche, di porre in essere azioni di controllo antidroga, in collaborazione con altre Forze di Polizia”.

“Sono particolarmente contento”, ha aggiunto il Prefetto Barbato, “di aver sottoscritto quest’ultimo
atto ufficiale, qui a Chieti, prima di lasciare il mio incarico di Prefetto e prendere servizio a Roma
dove andrò a ricoprire l’incarico di Direttore Centrale per l’amministrazione generale presso il
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblici e della difesa civile. Il mio bilancio di
lavoro, nel capoluogo teatino, è estremamente positivo; ho cercato di mettere al centro della città e
della provincia intera il concetto di rappresentanza governativa, lavorando in silenzio e producendo
atti in favore della cittadinanza. L’aver avuto riscontri dal punto di vista umano non solo con i
rappresentanti delle istituzioni ma con tutto il territorio è la maggiore soddisfazione”.