The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Si fingeva titolare di una carta di credito bloccando la vecchia con documenti falsi, arrestato 28enne

L'uomo ha fermato il corriere intento alla consegna della carta esortandolo a consegnarla a lui, fingendosi il proprietario

Pescara. Gli uomini del compartimento di polizia postale di Pescara, diretto dal vice questore Elisabetta Narciso, a seguito di un articolato servizio di osservazione sono riusciti ad interrompere l’attività criminosa posta in essere da un napoletano, in “missione” in questo centro il quale si fingeva il destinatario di una carta di credito sostitutiva da recapitare in luogo della precedente bloccata. Quest’ultima, infatti,  era stata effettivamente bloccata fraudolentemente tramite il portale call center da una persona ignota che, fingendo di essere il titolare della stessa, comunicava al gestore un falso smarrimento/ furto o smagnetizzazione.

Il malvivente, utilizzando un documento di identità falso, nei pressi dell’abitazione dell’ignaro reale destinatario ha fermato il corriere intento alla consegna e lo ha esortato a consegnargli il plico. Il corriere, al fine di accertare che si trattasse della stessa persona, ha chiesto di visionare il documento di identità che veniva esibito e che effettivamente riportava la sua foto ma i dati di colui che in realtà doveva ricevere la nuova carta di credito.

L’atteggiamento dell’uomo ha insospettito gli operatori della Sezione Financial Cybercrime della Polizia Postale che hanno proceduto immediatamente alla perquisizione personale dello stesso ed al successivo in arresto in flagranza.  Il plico “intercettato” conteneva effettivamente la carta di credito da consegnare ad una persona residente presso quell’indirizzo che alcuni giorni prima, avendo  ricevuto la comunicazione di blocco della propria carta, ne aveva richiesto la sostituzione.

La prassi prevede che la nuova carta venga spedita all’indirizzo del destinatario tramite corriere. L’”ingegno” del malvivente è stato quello di munirsi di documento di identità falso con le generalità dell’effettivo destinatario e di “intercettare” il corriere nei pressi dell’abitazione dell’ignara vittima al fine di rendere più credibile la sua identità. L’intervento degli uomini della polizia Postale ha scongiurato l’illecito utilizzo della carta di credito attraverso spendite presso esercizi commerciali.