The news is by your side.
10M

Sisma L’Aquila Quagliarello afferma: risiko di risorse fatto dal Governo è una guerra tra poveri

L’Aquila. Accuse nei confronti del governo si alzano, da parte di parlamentari e consiglieri comunali aquilani, in merito al dirottamento ad altri territori colpiti da calamità naturali, previsto nel decreto ‘Sblocca cantieri’, di 65 milioni di euro destinati alla ricostruzione dell’Aquila.

“Questo risiko di risorse tra territori colpiti è una sorta di ‘guerra tra poveri’ e tutto ciò, nel momento in cui il governo spreca ingenti risorse per misure con ogni evidenza improduttive, risulta francamente inaccettabile” afferma il senatore del movimento ‘Idea’ Gaetano Quagliariello. Per la deputata del Pd Stefania Pezzopane “mentre a parole il governo non perde occasione per fare passerelle e sottolineare il suo impegno a favore dell’Aquila, nei fatti ha posto le condizioni per contraddirsi in modo vergognoso: il codice degli appalti contiene due norme capaci di assestare un colpo mortale alla ricostruzione della città”. Pezzopane ricorda poi la mancata proroga della sospensione della restituzione agevolata delle tasse “che salirà dal 40 al 100%. Questo significa costringere centinaia di imprese a compiere uno sforzo che rischia di ucciderle”. Per il consigliere comunale del Pd, Stefano Palumbo “L’Aquila è il bancomat del governo, prende voti e soldi senza dare nulla. Il dirottamento di 65 milioni di euro, previsto nel decreto sblocca cantieri, dai fondi destinati alla ricostruzione dell’Aquila e strappati con le unghie e con i denti al governo Letta con il DL 43/2013, è infatti solo l’ultimo prelievo effettuato dal governo gialloverde”.