The news is by your side.

Sox, Science: presunta fuga radioattiva getta ombre su cancellazione esperimento nucleare Gran Sasso

L’Aquila. La rivista scientifica Science, in un articolo datato 14 febbraio scorso, riporta di una presunta fuga radioattiva ‘segreta’ e ‘misteriosa’ proveniete con molta probabilità dalla centrale nucleare russa di Mayak, di cui però non è mai stata data conferma dai sovietici. La nube avrebbe raggiunto l’Europa e così anche i sistemi di rilevamento ed allerta nucleare di diversi altri Paesi. L’ipotesi più accreditata è che il piccolo incidente nucleare, se così possiamo chiamarlo, sia legato al tanto discusso e temuto Esperimento Sox, ora cancellato, ma che si sarebbe dovuto tenete sotto al Gran Sasso esattamente presso L’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare voluto dallo scienziato Antonino Zichichi. Nell’impianto di Mayak, infatti, sarebbe dovuto avvenire il confezionamento e poi il trasporto del cerio 144. L’esperimento, con un grande sospiro di sollievo, ad eccezione degli scienziati, è stato annullato, ma la motivazione ufficiale, secondo quanto riportato nell’articolo scritto da Edwin Cartlidge, potrebbe in realtà celare qualcos’altro come questioni legate alla sicurezza…

Questo il link per leggere l’articolo in originale http://www.sciencemag.org/news/2018/02/mishandling-spent-nuclear-fuel-russia-may-have-caused-radioactivity-spread-across

Di seguito riportiamo una traduzione integrale:

“Per 2 settimane a settembre e ottobre dell’anno scorso, le tracce dell’isotopo rutenio-106 di origine umana si sono diffuse in tutta Europa, provocando rilevatori dalla Norvegia alla Grecia e all’Ucraina alla Svizzera. La nube radioattiva era troppo sottile per essere pericolosa, contenendo non più di qualche grammo di materiale, ma la sua origine rappresentava un mistero fuori misura. Ora, gli scienziati dell’Istituto francese di radioprotezione e sicurezza nucleare (IRSN) a Parigi dicono che l’isotopo potrebbe essere stato rilasciato dall’impianto nucleare di Mayak vicino a Ozyorsk, nel sud della Russia. L’IRSN sostiene che la perdita potrebbe aver avuto luogo quando i tecnici di Mayak hanno complicato la fabbricazione di un componente altamente radioattivo per un esperimento di fisica presso il laboratorio nazionale del Gran Sasso a L’Aquila, in Italia. Il governo russo e l’operatore nucleare statale Rosatom hanno negato con veemenza che si sia verificato un incidente. Nel frattempo, un comitato internazionale istituito dall’Istituto di sicurezza nucleare dell’Accademia russa delle scienze (IBRAE) a Mosca, riunitosi il 31 gennaio, è diviso sulle origini dell’inquinamento. 

Basato su un modello computerizzato che utilizzava i dati relativi al campionamento dell’aria e ai modelli meteorologici, l’IRSN ha concluso all’inizio di ottobre 2017 che il rutenio ha avuto la più probabile origine negli Urali meridionali; la sua controparte tedesca ha accettato. Il team francese ha continuato a escludere una serie di potenziali fonti, tra cui un incidente in un reattore nucleare. Un simile incidente avrebbe vomitato molti altri inquinanti radioattivi oltre al rutenio. Gli Urali meridionali ospitano la segreta struttura di Mayak, teatro di uno dei peggiori incidenti nucleari del mondo 60 anni fa, e la speculazione si trasformò presto in un possibile incidente nel suo impianto di ritrattamento, che estrae gli isotopi dal combustibile nucleare esaurito. Il rapporto dell’IRSN, reso pubblico il 6 febbraio, dice che il tentativo di Mayak di fabbricare una capsula di cerio-144 destinata al Gran Sasso “dovrebbe essere indagato” come possibile causa. Gli scienziati del Gran Sasso avevano bisogno del cerio per una ricerca, ora chiamata fuori, per particelle ipotetiche chiamate neutrini sterili.

Secondo le stime dell’IRSN, la quantità stimata di rutenio radioattivo rilasciato potrebbe provenire solo dall’elaborazione di diverse tonnellate di combustibile nucleare esaurito. Inoltre, il rapporto tra il rutenio-106 e l’isotopo rutio-103 decadente più rapido, rilevato in piccole quantità lo scorso autunno, rivela che il combustibile deve essere stato rimosso dal suo reattore solo un anno o due prima. Il combustibile esausto viene normalmente raffreddato fino a un decennio prima di essere ritrattato, quindi sembra che l’impianto stia preparando il materiale per un’applicazione che richiede livelli elevati di radioattività, dice IRSN. Questo corrisponde alla descrizione dell’esperimento del neutrino sterile al Gran Sasso, noto come SOX e supportato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e dalla Commissione francese per le energie alternative e l’energia atomica. Richiedeva una fonte che era estremamente radioattiva e molto piccola, dice il portavoce del SOX Marco Pallavicini, un fisico delle particelle dell’Università di Genova in Italia. Dice che la Mayak Production Association, l’unica azienda in grado di fornirla, ha firmato un contratto nell’autunno 2016 per produrre una capsula di cerio, che dovrebbe arrivare all’inizio del 2018. Ma nel dicembre 2017 la società ha dichiarato di non poter raggiungere il livello di radioattività desiderato. (“I russi non hanno detto assolutamente nulla” su una perdita di radiazioni, dice Pallavicini.) Ciò significava che al SOX sarebbe mancata la sensibilità richiesta, e il 1 febbraio l’INFN annunciò di aver tagliato l’esperimento, in quello che Pallavicini descrisse come “un grande colpo” per scienziati. Jean-Christophe Gariel, direttore della salute dell’IRSN, afferma che un aumento incontrollato della temperatura durante la separazione del cerio dal combustibile esaurito a Mayak potrebbe aver convertito parte del rutenio nei rifiuti in ossido di rutenio gassoso. Quel gas sarebbe sfuggito attraverso i filtri della struttura e si sarebbe solidificato nell’aria fresca esterna, dice, trasformandosi in piccole particelle di ossido solido che si sarebbero potute diffondere in tutta Europa.

Il direttore dell’IBRAE, Leonid Bolshov, definisce lo scenario dell’IRSN “una buona ipotesi”, ma afferma che non è corretto. Per prima cosa, dice, il processo di separazione non ha mai raggiunto “la fase calda”. E in ogni caso, aggiunge, “le principali operazioni” sul combustibile esaurito a Mayak sono state fatte alla fine di ottobre 2017, dopo il rilascio del rutenio. Bolshov afferma che un “evento meteorologico piuttosto raro” avrebbe potuto trasportare il rutenio da un luogo non ancora identificato agli Urali meridionali, da cui poi apparve a diffondersi. I membri non russi del panel internazionale dell’IBRAE, che si riuniranno nuovamente ad aprile, supportano la conclusione dell’IRSN secondo cui gli Urali meridionali sono la probabile fonte di fuga, dice il fisico dell’IRSN Jean-Luc Lachaume, un membro del panel, anche se alcuni sostengono che il la regione è troppo grande per individuare una posizione esatta. I membri russi sostengono che la perdita potrebbe essere sorto “nella parte orientale della federazione russa”, dice Lachaume. Dice che un rappresentante del regolatore nucleare russo Rostechnadzor che ha ispezionato Mayak nel novembre 2017 ha detto al gruppo di non aver riscontrato alcuna anomalia di un mese prima, ma non ha fornito dati a sostegno di tale affermazione. Il fisico Frank von Hippel, un esperto di non proliferazione, dell’università di Princeton afferma di non vedere “niente di sbagliato nell’analisi dell’IRSN”. Egli osserva che la quantità di rutenio-106 che il team francese stima è stata emessa-tra 1 grammo e 4 grammi-corrisponde ai 30 grammi di cerio-144 richiesti per SOX, dato che il combustibile esaurito contiene i due isotopi in un rapporto di circa uno a 14. E anche se la nube sull’Europa è stata innocua, un incidente a Mayak potrebbe significare che le persone che vivono vicino hanno preso “dosi polmonari potenzialmente significative”, dice Von Hippel”.

Science è considerata una delle più prestigiose riviste in campo scientifico insieme a Nature.