The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Stop assistenza domiciliare malati oncologici, Pezzopane: è una vergogna

stefania pezzopane 2L’Aquila. “Lo stop all’assistenza domiciliare ai malati oncologici e’ una vergogna”. Lo dice la senatrice Stefania Pezzopane, alla luce di quanto riportato stamattina dalla stampa, sulla grave situazione dell’associazione L’Aquila per la vita. “La situazione nella ASL aquilana – prosegue Pezzopane – appare in tutta la sua gravita’. Altro che difesa d’ufficio, fatta da qualche consigliere comunale dell’attuale management. Nella ASL e nello specifico all’ospedale aquilano sono state mortificate le competenze ed i problemi dei malati gravi e terminali non interessano ne’ al manager, ne’ a chi fa inopportune difese politiciste. L’assessore regionale alla sanita’ Paolucci intervenga per sollecitare il manager della Asl a porre riparo a questa ennesima umiliazione della sanita’ aquilana. ‘L’Aquila per la vita’ svolge da anni un ruolo essenziale nella cura domiciliare dei malati di cancro. Non e’ pensabile che il servizio si possa bloccare, interrompere o peggio ridimensionare a causa della mancata convenzione con due ricercatrici. E’ questa l’ennesima prova di una gestione della ASL aquilana fallimentare, a cui bisogna porre immediatamente fine. Inutile sbandierare dati e cifre per investimenti, che risultano fittizi. Se i servizi sanitari essenziali, come quelli dell’assistenza ai malati oncologici vengono tagliati, se un’associazione che da anni lavora sul territorio offrendo un servizio d’eccellenza non e’ messa nelle condizioni di poter operare perche’ non ci sono i soldi per pagare il personale medico, vuol dire che o che non si hanno a cuore le sorti dei pazienti o non si amministrare bene. Questa e’ una delle tante criticita’ della ASL aquilana a cui va posto riparo. Questa mattina – conclude Pezzopane – ho avuto conferma dalla presidente Emilia De Biasi, che la Commissione Sanita’ del Senato programmera’ una visita all’Aquila, per fare luce su una situazione critica, non piu’ tollerabile”.