The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Studentessa cacciata con la figlia di 4 mesi, la rabbia della Lega Giovani: atto profondamente incivile

L’Aquila. Giovane madre cacciata dall’aula universitaria presso il Dipartimento di Scienze Umane solo perché colpevole di avere con sé una bambina di 4 mesi, che per di più dormiva. Che un docente – aggravante: di Scienze della Formazione – si ponga nei confronti di uno studente da tutelare con questo atteggiamento è sintomo di un grave atto di inciviltà.

Confidiamo che la Governance di Ateneo si distacchi anche con i fatti dalle posizioni di intolleranza di qualche dipendente. Già dal prossimo Anno Accademico si applichi un principio di buonsenso e si prenda in considerazione l’ipotesi di agevolare le giovani madri con la realizzazione di servizi ad hoc sul modello di molte altre Università italiane – parcheggi per donne incinta, aree dedicate, fasciatoi nei bagni – e di una tassazione ridotta per una categoria fin troppo dimenticata dalle istituzioni.

Massima solidarietà da parte della Lega Giovani ad una ragazza che non ha fatto altro che esercitare il proprio diritto allo studio.