The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Sulmona-Roma, disagi e proteste dei pendolari, Casini: mi sono subito attivata ascoltando grido di aiuto

Sulmona.“In seguito alle numerose segnalazioni dei pendolari, che ogni giorno si recano a Roma da Sulmona, mi sono attivata subito, ascoltando il grido di aiuto per il bene del nostro territorio già in sofferenza”. Lo afferma il sindaco  di Sulmona Annamaria Casini. “Ho inviato una lettera alla società Sangritana spa, per rappresentare i forti disagi riscontrati da chi viaggia quotidia namente, con l’introduzione dei nuovi orari in vigore dal 21 settembre 2020, richiedendo il ripristino della regolare corsa delle 5 da Sulmona eliminando la sosta ad Avezzano (anche per il ritorno), in quanto la modifica dell’itinerario non consente di raggiungere il luogo di lavoro con puntualità. Si richiede, inoltre,il ripristino della corsa delle ore 12 da Roma, consentendo di poter utilizzare i mezzi in coincidenza per raggiungere i Comuni del comprensorio”.

“E’ apprezzabile lo sforzo di Sangritana”, spiega Annamaria Casini,” nel garantire le corse da Sulmona a Roma, rispettando anche tutte le misure di sicurezza anticovid, in un periodo difficile e complesso come quello che stiamo affrontando a causa dell’emergenza sanitaria,  ma  sarebbe importante per i viaggiatori pendolari del territorio peligno una revisione del numero e della tipologia delle corse”.

“Il pendolarismo è un elemento prezioso per la nostra area, che consente a moltissimi lavoratori con grande sacrificio di non lasciare il territorio d’origine per trasferirsi in altre località e dunque acuire il fenomeno dello spopolamento, soprattutto in un periodo di crisi economica e occupazionale come quello che Sulmona e il comprensorio tutto stanno vivendo . Certa di  un favorevole accoglimento della mia istanza da parte della società Sangritana,  sicura di essere portatrice della sensibilità anche degli altri sindaci del comprensorio che non faranno mancare la loro voce sul tema a tutela delle nostre comunità”, conclude Annamaria Casini.