The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Sviluppare una coscienza sociale e competenze professionali: all’Università di Teramo arriva il master in diritto dell’ambiente

Teramo. Passano gli anni e l’attenzione verso le tematiche dell’ambiente e dell’energia cresce in maniera esponenziale. Unitamente a ciò cresce anche l’interesse degli enti territoriali e delle associazioni, ben decisi a sposare la causa della tutela ambientale e a esser parte di campagne di informazione e sensibilizzazione. Stando a un recente articolo apparso sul quotidiano Il Sole 24 Ore, gli ambiti citati rappresentano due settori in rapida espansione, tra i più gettonati dal punto di vista professionale.

È sulla base di queste considerazioni, ma anche di un ragionamento accurato e lungimirante, che l’Università di Teramo ha da poco organizzato un Master in Diritto dell’Energia e dell’Ambiente, che prenderà il via a partire da gennaio 2020 fino a luglio dello stesso anno. Un’opportunità di crescita personale e professionale grazie alla presenza di professionisti di livello assoluto capaci di garantire una formazione elevata circa i temi trattati nel corso delle lezioni e dei seminari.

Non solo “lectio magistralis”, ma veri e propri corsi intensivi aventi a oggetto determinati casi che in Abruzzo o in Italia abbiamo imparato a conoscere bene: la nota vicenda della discarica di Bussi o il caso dell’Ilva di Taranto sono solamente due esempi che dimostrano come l’ambizione del master sia quella di focalizzarsi tanto sull’aspetto teorico quanto su quello pratico. Casi specifici, argomenti specifici.

Ideatore e promotore del master è il costituzionalista Enzo Di Salvatore, professore UniTe, da sempre sensibile alle tematiche ambientali ed energetiche, nonché in prima linea per la tutela e la difesa del territorio abruzzese e nazionale. “È un progetto ambizioso, aperto non solo a giuristi ma anche ad altre categorie di professionisti, che, per competenza o settore nel quale operano, nutrono un interesse specifico o avvertono la necessità di acquisire una formazione più solida nei diversi campi toccati dal master”, dichiara in esclusiva su Abruzzolive.

“È fondamentale abbandonare l’idea che l’ambiente sia un argomento di nicchia per radical chic. – prosegue – In realtà c’è poca conoscenza, poca informazione, ci sono poche capacità. Ecco lo scopo principale di questo master: fornire competenze che siano in condizione di migliorare la nostra vita e l’ambiente che ci circonda. È una autentica opportunità se vogliamo avere una società migliore, più attenta a ciò che la circonda”.

Magistrati, avvocati, esperti e professionisti di settori diversi che mettono a disposizione le loro conoscenze, il tutto per creare competenza, elevare il livello dell’informazione e la coscienza degli individui. Come detto, nel corso delle lezioni verranno analizzati casi pratici con seminari ad hoc. Ogni caso viene discusso attraverso un seminario, aperto a tutti, alla presenza di docenti che l’argomento della lezione lo hanno vissuto da protagonisti. C’è la possibilità di iscriversi anche a singoli corsi, se non si vuole seguire l’intero master. In questo caso, verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

“Lo scopo è “costruire” uno strumento utile e metterlo a disposizione di tutti: uno strumento del quale si avrà sempre più bisogno nel prossimo futuro”, conclude Di Salvatore.