The news is by your side.

Tecnopolo L’Aquila, missione in Slovacchia per nuovi investitori del settore tecnologico

L’Aquila. Una missione in Slovacchia per imprenditori ed esperti del settore tecnologico che potrebbe portare aziende slovacche a volersi insediare nel Tecnopolo dell’Aquila nel prossimo futuro. La visita si è svolta il 13 e 14 dicembre scorsi. Una delegazione italiana composta guidata da Roberto Romanelli, direttore del Tecnopolo d’Abruzzo, promotore dell’evento, e da Fabio Pompei, manager d’azienda e professore universitario, ha visitato la Repubblica Slovacca, rispondendo così all’invito delle autorità locali che il mese scorso sono state ricevuti dal sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e dal vice presidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli. La missione è stata accompagnata dal consigliere economico e commerciale dell’ambasciata Slovacca in Italia, Rudolf Durdik. La delegazione ha incontrato Gabriel Bardos e Csaba Orosz, rispettivamente sindaco e vice sindaco della città di Samorin, facente parte del distretto di Dunajska Streda, nella regione di Trnava. Poi è stata in visita nella cittadina di Kostolne Kracany, anch’essa parte del distretto di Dunajska Streda, incontrando il sindaco Ladislav Godano, Peter Agner e Alexander Bittera del Parco industriale.

Il giorno successivo, la delegazione ha partecipato all’evento organizzato da Sario (Slovak investment and trade development agency), l’agenzia per lo sviluppo di investimenti sul territorio slovacco, incontrando varie aziende interessate ad ampliare il proprio business anche fuori dai confini nazionali. Romanelli ha raccontato l’esperienza e la strategicità logistica dell’Abruzzo e in particolare del Tecnopolo, realtà produttiva che sta attirando investitori da tutto il mondo grazie anche all’avvio della sperimentazione del
5g nella città dell’Aquila. Alla luce di questo, una delegazione di imprenditori slovacchi ha manifestato la volontà, nelle prossime settimane, di visitare il centro tecnologico aquilano, per verificare la fattibilità di eventuali futuri insediamenti.