The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Tornano i collegamenti tra Pescara e le isole croate di Hvar e Korcula. Previsti 10mila turisti

Pescara. Sono ripresi da Pescara i collegamenti estivi con l’altra sponda dell’Adriatico. E’ salpato ieri, alle 14,30, il catamarano “Aquila Snav” da 300 posti che collegherà il capoluogo adriatico alle isole croate Hvar e Korcula fino al 6 settembre. Presenti a bordo 100 passeggeri. I dettagli sono stati forniti nel corso di una conferenza stampa presso la Direzione Marittima Abruzzo-Molise di Pescara da Raffaele Aiello, amministratore Snav; dal comandante della Capitaneria di Porto, Enrico Moretti: dal sindaco di Pescara, Marco Alessandrini; dal vice sindaco, Enzo Del Vecchio; dal presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco; dal direttore del porto turistico “Marina di Pescara”, Bruno Santori; e dal presidente della Camera di Commercio, Daniele Becci. Previste da Pescara sei partenze: venerdì, sabato, domenica e lunedì alle 14:30 e martedì e giovedì alle 14.10. Il ritorno è previsto lunedì, venerdì, sabato e domenica alle 8.30 e martedì e giovedì da Vela Luka (Korcula) alle 8.2Croazia Jet: collegamento Snav Pescara-Hvar0. “Prevediamo un budget di 10mila passeggeri e” ha sottolineato Aiello “insistiamo su questo porto sperando di poter migliorare e aumentare i collegamenti durante tutto l’anno. Mi auguro che il nuovo piano regolatore portuale vada avanti”. “Si è parlato troppo e anche un pò a sproposito delle condizioni del porto” ha detto il comandante Moretti “ma il ritorno del catamarano dimostra che sono stati posti in essere diversi tavoli di lavoro per poter far sì che potesse tornare il collegamento con l’altra sponda dell’Adriatico”. “Questo viaggio inaugurale” ha evidenziato il sindaco “rappresenta un punto di partenza e non di arrivo. Lavoriamo per riportare un collegamento ancora più grande”. “Oggi” ha sostenuto Becci “é una giornata importante. La fiducia del gruppo Snav nel nostro porto è importante, ma oggi più che mai dobbiamo capire che occorre un lavoro di squadra”.