The news is by your side.

Tra le vette più alte d’Abruzzo per toccare il cielo con un dito: vieni a scoprire il monte Brancastello

L’Aquila. Domenica 7 ottobre, dalle ore 08:00 alle 16:30, un viaggio tra le vette più alte d’Abruzzo. Il monte Brancastello (2385 mt s.l.m.) è una cima del massiccio montuoso del Gran Sasso d’Italia, posta sulla dorsale più orientale del massiccio lungo la linea di cresta che congiunge monte Aquila a monte Prena e monte Camicia. Ricade nei territori dei comuni di L’Aquila e Isola del Gran Sasso, a cavallo tra la provincia dell’Aquila e di Teramo.

Dalla località Pietranzoni (Campo Imperatore) seguiremo un comodo sentiero che in leggera pendenza ci condurrà in breve al Vado di Corno (m 1924), classico punto di passaggio tra i due versanti. Dal Vado di Corno seguiremo la cresta e attraverso un comodo e panoramico sentiero, con brevi tratti di salita, arriveremo in vetta al monte Brancastello 2385 metri.

FLORA E FAUNA:
La fauna appare ricca e varia. Troviamo il Camoscio, specie un tempo abbondante sul Gran Sasso, a causa del bracconaggio era sopravvissuta solo nel Parco Nazionale d’Abruzzo. Oggi, a molti anni dalla sua scomparsa, il camoscio è tornato con circa 400 unità a vivere sul Gran Sasso, diventando il simbolo del Parco. Alcuni degli altri animali presenti nell’Area Protetta sono: il capriolo, il cervo, la lepre, la faina, la martora. Alle quote più elevate, l’arvicola delle nevi, un piccolo roditore arrivato con l’ultima glaciazione ed è qui rimasto come relitto glaciale.

Tra l’avifauna troviamo rari rapaci come l’aquila reale, il falco pellegrino, l’astore, il lanario, il gheppio e il gufo reale. Le specie più rappresentative sono quelle delle alte quote, con le popolazioni appenniniche più numerose di fringuello alpino. La componente floristica più preziosa è senz’altro legata agli ambienti delle alte quote, dove persistono i cosiddetti “relitti glaciali”: piante endemiche come l’Androsace di Matilde, l’Adonide ricurva, la Stella alpina dell’Appennino, il Genepì appenninico e diverse specie del genere Sassifraga…

PROGRAMMA:
• Ore 8:30 Ritrovo a Campo Imperatore. [dopo l’iscrizione riceverai tutte le informazioni per raggiungere il luogo di ritrovo] • Ore 16:30 Fine escursione
• A questa escursione non potranno partecipare bambini di età inferiore ai 14 anni.
• A questa attività non possono partecipare i nostri amici a 4 zampe perché l’attività si svolgerà nelle zone dove è interdetta la loro presenza.
• Il programma può subire variazioni o essere annullato in base alle condizioni meteo.
• Nel corso dell’escursione potranno essere effettuati scatti fotografici o riprese video che possono comparire su siti di pubblico dominio e che potranno essere utilizzati esclusivamente da EsplorAbruzzo per finalità promozionali riguardanti l’attività stessa.

COSA PORTARE IN ESCURSIONE:
Zaino (da escursione), scarpe da trekking (obbligatorie), abbigliamento a strati (da giacca antivento-antipioggia, pile, t-shirt anche doppia per ricambio), guanti, cappello di lana. Pranzo al sacco. Acqua almeno 1,5 litro. Bastoncini da trekking (consigliati), occhiali da sole, crema solare. Consigliati binocoli e macchina fotografica, in quanto si avrà una magnifica prospettiva sulle altre montagne del gruppo.

COSTO:
Euro 20,00 a persona. Comprensivo di escursione guidata da un accompagnatore di media montagna/maestro di escursionismo del collegio guide alpine Abruzzo e assicurazione RCT per tutta la durata dell’escursione. Il pagamento si effettuerà alla guida il giorno stesso dell’escursione

INFO E PRENOTAZIONI:
EsplorAbruzzo tel. +39 348 572 9229 (anche messaggio WhatsApp)