The news is by your side.
10M 2
10M

Acque del Gran Sasso, l’appello di Biondi: Regione chieda riconoscimento dello stato di emergenza

L’Aquila. “La Regione Abruzzo richieda al governo il riconoscimento dello stato di emergenza affinché si proceda alla messa in sicurezza delle acque del Gran Sasso”. A lanciare l’appello, rivolto al presidente della giunta regionale, Marco Marsilio, e al vice presidente con delega al ciclo idrico integrato, Emanuele Imprudente, è il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

“Nella fase di conversione del decreto sblocca cantieri esecutivo nazionale e parlamento individuino le risorse necessarie per gli interventi”, spiega il primo cittadino aquilano, “per l’esecuzione dei lavori, invece, l’idea potrebbe essere quella di nominare un commissario straordinario in grado di poter agire rapidamente. Si adotti, insomma, il modello previsto dall’articolo 4 del decreto pubblicato oggi in Gazzetta ufficiale”.
“In questo modo verrebbe tutelato un bene primario come l’acqua e si scongiurerebbe il rischio di chiusura del traforo del Gran Sasso”, precisa Biondi, “un’eventualità, quest’ultima, che comprometterebbe la completa fruizione di una infrastruttura strategica per la città dell’Aquila e l’intero sistema delle aree interne che, altrimenti, dal 19 maggio rischiano di rimanere isolate con gravissime ripercussioni per il tessuto economico, sociale e, visto che siamo alle porte dell’estate, turistico”. “Si rischia di far compiere a questa terra un passo indietro lungo 40 anni”, conclude Pierluigi Biondi, “e di creare una barriera insuperabile tra Tirrreno e Adriatico”.