The news is by your side.

Tre studenti del corso serale del Manthoné vincono il Jobs of the Future

Pescara. Michael Toro, 18 anni, Carmine Trugli, 18 anni, e Ion Ureche, 20 anni, studenti del corso serale dell’Istituto tecnico Aterno-Manthoné di Pescara, diretto dalla preside Michela Terrigni, sono i
vincitori del Jobs of the Future. La premiazione si è tenuta, nei giorni scorsi nella sede di via Tiburtina. Sono intervenute Irene De Laurentiis e Antonella Menna in rappresentanza del Centro italiano per l’apprendimento permanente di Roma.

Gli studenti, guidati dalla docente di italiano Mariadaniela Sfarra, hanno rappresentato al meglio
l’Italia nel contest Jobs of the Future, lanciato dal consorzio Future, tra cui il Centro italiano per
l’apprendimento permanente (Ciape), in sette Paesi partner, ma la cerimonia, prevista a Roma, non
si era potuta tenere finora a causa del lockdown.
Considerata la rilevanza europea del concorso e per celebrare il prestigioso riconoscimento, il corso
serale dell’Aterno-Manthoné ha organizzato un incontro per consegnare il premio nell’aula magna
della scuola, alla presenza degli iscritti di tutte le classi e dei docenti, nel pieno rispetto delle regole
anti Covid-19.

“Questa brillante affermazione europea dimostra, mai ce ne fosse bisogno”, spiega la dirigente
scolastica Michela Terrigni, “la qualità del nostro corso serale, attivo da 25 anni, che ha formato
centinaia di diplomati, molti dei quali oggi sono affermati laureati. Non si tratta di un percorso di
ripiego ma, spesso, è un modo per ripartire con maggiore slancio verso il mondo della scuola e del
lavoro. Anche quest’anno i nostri due corsi di Afm e Sia sono frequentati da tanti studenti, giovani e
maturi, italiani e non. Le iscrizioni sono ancora aperte”.Il contest è stato inserito nel progetto Future Time Traveller e co-finanziato dalla Commissione Europea, con lo scopo di “trasformare l’orientamento professionale della generazione Z attraverso un approccio di scenario innovativo basato sui giochi”.

L’iniziativa, con l’aiuto di una piattaforma dedicata, ha incoraggiato i giovani a esplorare la propria
idea di professioni future, spiegare perché potrebbero emergere, come potrebbero essere e di che
tipo di abilità si potrebbe aver bisogno.

Per i lavori del futuro sono state inviate 93 idee: 62 saggi, 30 presentazioni e un video provenienti
dai sette Paesi partner: Italia, Bulgaria, Grecia, Germania, Polonia, Portogallo e Regno Unito.
I tre vincitori hanno ricevuto come premio alcuni gadget tecnologici: Michael Toro, primo
classificato per la sua descrizione del progettista di maggiordomi robotici sofisticati, un altoparlante
intelligente con integrazione Alexa; Carmine Trugli, secondo, con la progettazione di un
macchinario dotato di moto perpetuo, un altoparlante portatile con bluetooth e il terzo Ion Ureche,
per l’invenzione di mezzi di trasporto futuristici, uno zaino con caricatore usb.