The news is by your side.

Tullio Tonelli rassegna le dimissioni da presidente della Tua: mio apporto senza alcun tornaconto

L’Aquila. “In merito alle notizie riguardanti la inconferibilità della mia nomina a presidente di Tua spa voglio chiarire che quando mi è stato proposto questo incarico ricoprivo da 10 anni la carica di amministratore unico di Pescara Energia S.p.A. non percependo per tale attività alcun compenso”. Commenta così Tullio Tonelli le dimissioni dalla carica di presidente di Tua.

“La proposta l’ho accettata poiché 44 anni della mia vita lavorativa li ho passati nel trasporto pubblico”, precisa Tonelli, “molti dei quali in posizione di vertice nella azienda che ha gestito il trasporto pubblico a Pescara, ma anche in incarichi sia all’atto della costituzione di Arpa, il cui piano operativo attuato dal 1° gennaio 1979 in gran parte era stato redatto da me, che per 18 mesi in Sangritana per la riorganizzazione di settori, specie amministrativi. Quindi ero ben a conoscenza delle problematiche che riguardavano le tre aziende regionali che sono state oggetto della fusione che ha portato alla costituzione di Tua”.

“Senonché la prima osservazione sulla possibile sussistenza di una ipotesi di incompatibilità tra le due cariche da me ricoperte mi è pervenuta da parte della RPCT della Regione Abruzzo in data 11 settembre 2018”, spiega, “cioè oltre un anno e mezzo dopo la nomina a Presidente di TUA. Poiché tale ipotesi poteva avere una parziale attendibilità e la incompatibilità prevede la rinuncia a una delle due cariche, ho presentato le dimissioni al Sindaco di Pescara di Amministratore Unico di Pescara Energia S.p.A., società che, dalle indagini settoriali che vengono pubblicate tutti gli anni, nel 2017 era stata collocata al 20° posto di 28 aziende energetiche, sia pubbliche che private, su cui investire su un totale di 210 aziende del settore ed al 26° posto, sempre rispetto alle 210 società, per la produttività”.

“Ma il Rpct di Tua, lo scorso 30 ottobre, ha comunicato all’Anac la possibile sussistenza di condizioni di inconferibilità a presidente di Tua avendo ricoperto la carica di Amministratore Unico di Pescara Energia, malgrado la rinuncia a detto incarico”, sottolinea Tonelli, “tale verifica, secondo il mio parere, non doveva attendere 18 mesi per essere contestata essendo rilevabile la doppia funzione esercitata dalla documentazione presentata. Esisterebbero, quindi, motivi non solo di rammarico per il ritardato esame eseguito, ma anche elementi per contestare la decisione Anac”.

“Ma non è questa la mia intenzione, poiché, grato a chi mi ha proposto per gli incarichi ricoperti, e nello spirito che mi ha sempre guidato in tantissimi anni di vita aziendale”, prosegue, “ho voluto offrire, senza alcun tornaconto, un mio apporto per dimostrare che non è sempre vero che le aziende pubbliche debbano essere dei carrozzoni, ma che possono raggiungere anche livelli di competitività con le aziende private, che, per quanto attiene Tua, sono dimostrati dai bilanci sempre chiusi in utile, malgrado la riduzione dei contributi per 11 milioni di euro, compensati dal taglio dei costi per lo stesso importo, aumentando in un biennio di 2,4 punti (da 24,75% a 27,15%) il rapporto ricavi/costi, indice che a livello nazionale viene valutato per dimostrare l’efficienza delle aziende, superiore a quello dichiarato dalle aziende private regionali, che si attesterebbe, su loro dichiarazioni, sul 23-24%”.

“Per questi motivi ho deciso di rassegnare in data odierna le mie dimissioni”, conclude Tonelli, “nelle mani del presidente della Giunta Regionale”.