The news is by your side.

Turismo in Abruzzo, a Campli è boom di presenze: +83%, ecco il bilancio dell’estate 2020

Campli. Consigliato dal National Geographic, che lo ha definito “gemma dell’Italia rurale”. Celebrato dal britannico Guardian, come simbolo della rinascita dei piccoli borghi dopo il lockdown. Inserito dal Corriere della Sera nella speciale classifica dei 20 borghi più belli d’Italia che meritano una visita. Nell’estate 2020 – che sarà ricordata come la stagione del turismo italiano e della riscoperta dei piccoli borghi – Campli è andata oltre le più ottimistiche aspettative: nei mesi di giugno, luglio e agosto le presenze registrate presso l’Ufficio Turistico comunale sono aumentate, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, dell’83%. La Lombardia è la regione da cui arriva il maggior numero di visitatori e turisti. Al secondo posto l’Abruzzo – a conferma di come Campli sia capace di attrarre turismo di prossimità – e sul terzo gradino del podio il Lazio. Seguono Emilia-Romagna e Marche. E non mancano le presenze straniere. Nell’estate 2020, i turisti esteri sono arrivati principalmente da Svizzera, Olanda, Germania, Austria e Albania.

“Ancora un risultato positivo per il nostro Ufficio Turistico” ha detto il Sindaco, Federico Agostinelli che ha aggiunto: “Voglio ringraziare l’associazione Memoria & Progetto Onlus, che gestisce l’ufficio, i consiglieri Melissa Galli (Turismo e Cultura) Pietro Adriani (Tutela e Valorizzazione Ambiente Montano), Melissa Di Egidio (Eventi), Laura Di Domenicantonio (Arredo Urbano) e gli operatori dell’ufficio turistico Evelina Di Berardo, Eugenia Petrella e Valerio Negro per l’ottimo lavoro svolto. Questi dati dimostrano l’efficacia della nostra strategia di promozione turistica. L’aspetto più importante è che questo aumento di visitatori, grazie ai format innovativi e agli eventi realizzati, ha avuto una ricaduta diretta e positiva sulle nostre attività commerciali. Un risultato che vale doppio, considerata la fase molto delicata che tutta l’Italia sta vivendo sotto il profilo economico”.

“Campli – sottolinea Agostinelli – è stata capace, più di altri, di intercettare le opportunità di questa strana estate attraverso format come borGO!, che ha dato la possibilità a centinaia di turisti di visitare il nostro borgo e i suoi siti di interesse in piena sicurezza. Senza dimenticare il lancio del nuovo video promozionale del territorio, il lavoro di rilancio della nostra montagna, con l’installazione della nuova segnaletica sulla rete sentieristica del Monte Foltrone in collaborazione con la sottosezione CAI Val Vibrata Monti Gemelli guidata dal reggente Marco Nardi, il festival culturale Farnesiana, curato da Roberto Ricci, Davide Francioni e Simone Gambacorta, con la presenza del conduttore di Linea Bianca Massimiliano Ossini, il successo dell’Aperipost a Sant’Onofrio e della Sagra della Porchetta Italica, la più antica d’Abruzzo e l’unica ad essere svolta in Provincia di Teramo, grazie all’impegno e alla collaborazione della Pro Loco Città di Campli e, in particolare, del Presidente Pierluigi Tenerelli. Un ringraziamento particolare va anche a Don Adamo, che ha permesso le aperture straordinarie serali di Scala Santa e della Cattedrale di Santa Maria in Platea, e al Direttore del Museo Nazionale Archeologico, Leandro Di Donato, e a tutti i dipendenti per la riapertura del nostro Museo in tutta sicurezza, e all’agenzia di comunicazione Goon”.