The news is by your side.

Turismo in Abruzzo: Cna e Collegio Guide Alpine insieme per le aree montane

Pescara. C’è un immenso giacimento di valori ambientali nelle aree montane che può trasformarsi in offerta turistica mirata e vincente per tutto l’Abruzzo, a condizione di avere progetti e idee, ma anche sostegno economico e supporto istituzionale agli operatori professionali. E’ il senso del protocollo d’intesa sottoscritto a Pescara, nella sede regionale della Cna, dal presidente regionale di Cna Turismo, Claudio Di Dionisio, e da Davide Di Giosaffatte, presidente regionale del Collegio delle guide alpine e accompagnatori di media montagna, che rappresenta circa 200 operatori. L’intento è costruire pacchetti mirati, potenziare le figure professionali dedicate, ideare politiche di promozione e marketing efficaci ispirate alla continuità nel tempo.

Le due associazioni hanno quindi indirizzato proposte concrete agli interlocutori istituzionali, Regione in testa. Ecco quindi la richiesta di “promuovere escursionismo, arrampicata, alpinismo estivo e invernale, sci alpinismo, freeride; migliorare e ottimizzare accoglienza e organizzazione della ricettività turistica in funzione delle esigenze specifiche della clientela delle attività esperienziali; diffondere la conoscenza delle attività esperienziali tra tour operator e operatori della ricettività turistica; coinvolgere il Collegio regionale in iniziative e progetti di carattere turistico per la valorizzazione del patrimonio artistico, culturale dell’entroterra abruzzese, con particolare attenzione ai borghi e ai piccoli centri abitati di montagna, anche in forma aggregata; predisporre progetti attuativi per intercettare finanziamenti di carattere nazionale e comunitario, con lo scopo di valorizzare le aree interne, il ripopolamento, la nascita di nuove attività e servizi connessi; valorizzare la figura professionale delle guide alpine, degli accompagnatori di media montagna, con iniziative, corsi, manifestazioni”.

Positivi, a detta delle due sigle, alcuni primi risultati, come “la sottoscrizione di accordi nazionali con Air Bnb; la doppia partecipazione con proposte di filiera al TTG di Rimini; la formulazione di proposte e richieste, specialmente per il ruolo di guide e aziende turistiche) in tempo di Covid-19, in partnership con le altre sigle unitarie; l’organizzazione del primo Eductour e Workshop “Active Abruzzo” con la partecipazione di 12 tour operator internazionali interessati all’offerta della regione”.