The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Uccise il figlioletto nel sonno, per il perito Maravalle può tornare libero

Pescara. “Maravalle oggi non è pericoloso. E’ in grado di essere rimesso in libertà e proseguire le cure fuori come qualsiasi altro cittadino”. E’ la conclusione della perizia effettuata dallo psichiatra bolognese Renato Ariatti su Massimo Maravalle, il tecnico informatico di 47 anni che la notte tra il 17 e il 18 luglio 2014 a Pescara, in via Petrarca, uccise il figlio di 5 anni Maxim mentre dormiva. Il bimbo era di origine russa ed era stato adottato nel 2012. giustizia- tribunaleLe conclusioni di Ariatti, che in passato ha firmato le perizie su Bernardo Provenzano e Annamaria Franzoni, sono state illustrate e discusse davanti al gip Gianluca Sarandrea. Presenti Maravalle, il suo difesore, il pm Andrea Papalia e Marilisa Amorosi, responsabile del Centro di Salute Mentale di Pescara, consulente di parte scelto dalla difesa. Maravalle, dal dicembre 2014 si trova presso la casa di cura e custodia annessa all’ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa (Caserta). La misura era stata adottata in seguito alla perizia psichiatrica sull’uomo effettuata sempre da Ariatti il quale aveva ha concluso che, la notte del delitto, “Massimo Maravalle versava, per infermità in condizioni di totale esclusione della capacità di intendere e volere”. In quell’occasione lo psichiatra aveva anche evidenziato che “le condizioni psicopatologiche appaiono migliorate, pur persistendo quote attenuate di pericolosità sociale, che richiedono il prosieguo delle cure in condizione di residenzialità sulle 24 ore, ad alta intensità terapeutica oltre custodiale”. L’uomo, quindi, era stato trasferito dal carcere nella clinica di Aversa. Ora sarà il gup a decidere sulla custodia di Maravalle. L’udienza si terrà il 29 ottobre prossimo.