The news is by your side.

Un anno e 3 mesi di reclusione al pensionato che causò la morte del 15enne Dylan Tumini

Chieti. Un anno e tre mesi di reclusione e risarcimento dei danni alla parte civile in separato giudizio. E’ la condanna inflitta oggi dal giudice monocratico del Tribunale di Chieti Andrea Di Berardino a Dante Mangifesta, 73 anni di San Giovanni Teatino.

L’uomo era finito sotto processo per l’incidente costato la vita a Dylan Tumini, un ragazzo che all’epoca dei fatti aveva 15 anni, e che morì dopo undici giorni trascorsi nel reparto di Rianimazione dell’ospedale dell’Aquila dove era stato ricoverato a causa delle gravissime lesioni riportate nello scontro fra il suo ciclomotore e l’auto condotta da Mangifesta, un’Alfa Romeo 155 lungo la Statale 16 a Ortona.

L’incidente si verificò il 24 gennaio del 2011. Secondo l’accusa l’uomo nell’affrontare una curva sinistrorsa, finì con invadere parzialmente la carreggiata opposta scontrandosi con il ciclomotore Piaggio condotto da Tumini. Il pm Luisa Bertini aveva chiesto per l’uomo la condanna a due anni. Il giudice ha anche disposto la sospensione della patente per un anno e tre mesi.