The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Un comitato per ControSenso 2015, nasce scuola di politica per promuovere nuove idee

L’Aquila. Un comitato per l’edizione 2015 di ControSenso, con più seminari aperti ai giovani di tutto l’Abruzzo, una scuola di politica e nuove idee da promuovere e concretizzare. E’ quanto emerso dal fortunatissimo appuntamento dei giovani amministratori con il mondo politico, della cultura, del giornalismo che si è tenuto ieri nelle location d’eccezione come la sala Tommaso da Celano, il Chiostro San Francesco di Tagliacozzo, e a Sante Marie (L’Aquila).

C’è stato spazio, quest’anno, a seminari che hanno visto protagoniste le nuove generazioni. I ragazzi si sono confrontati con esperti di comunicazione, giornalisti, esponenti della politica e della religione. I temi, affrontati in un clima amichevole e confidenziale, erano quelli di “Politica e giornalismo” e “Fede, politica e comunicazione”.
Erano presenti, tra gli altri, Pierluigi Natalia, giornalista de L’Osservatore Romano, che si occupa principalmente di politica internazionale, con particolare attenzione al Sud del mondo; Giuseppe Caporale, che scrive per il quotidiano La Repubblica, autore per le case editrici Castelvecchi, Garzanti e Bur (collana Rizzoli) e che dirige un workshop sul giornalismo d’inchiesta per le Università. Ha risposto alle domande dei giovani anche don Aldo Antonelli, il “prete scomodo” o meglio il “prete rosso”, collaboratore dell’Huffington Post, che ha sempre suscitato polemiche e contrapposizioni con articoli e dibattiti sui temi legati al binomio Marxismo-Cristianesimo, Andrea De Foglio, giovane sacerdote coordinatore dei giovani della diocesi, Angelo Venti, giornalista che ha dato vita a una originale integrazione tra vecchi e nuovi media e che ricopre anche un ruolo di responsabilità in Libera – associazioni, nomi e numeri contro le mafie, Armando Floris, politico, esperto di comunicazione e gestione delle relazioni istituzionali, di didattica della comunicazione, ed esperto di formazione per amministratori locali. Insieme agli altri ospiti, si è dato vita a un incontro fuori dai canoni classici del seminario, che ha permesso a tutti di interagire in tempo reale, anche via Twitter, dando vita a un dibattito costruttivo e innovativo.

Nel pomeriggio sì è aperto il Forum con i giovani amministratori di enti pubblici che si sono confrontati con esponenti della politica, della provinciam, della Regione e del parlamento. Hanno interagito con amministratori under 35 (sindaci, assessori, consiglieri ecc), ascoltando le loro idee e i loro problemi. L’evento, seguitissimo online, è stato trasmesso in diretta streaming, su Twitter e su Facebook con l’ hashtag #controsenso2014.