The news is by your side.

Un nuovo passo per il futuro della città, Di Primio: mobilità sostenibile aiuta ambiente e cittadini

Il sindaco di Chieti all'evento dell'anca e del Comune di Catania

Chieti. “La mobilità sostenibile è quella che aiuta l’ambiente e cambia le abitudini dei cittadini, per farli vivere in città migliori. La sostenibilità non deve essere uno spot, ma deve essere vera, dove l’uomo, la comunità e l’ambiente vivono insieme”. Lo ha detto il vicepresidente dell’Anci, nonché sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, alla conferenza nazionale sulla mobilità sostenibile in corso nel Municipio di Catania dal tema ‘Un nuovo passo per il futuro delle città’. L’iniziativa è organizzata dall’Anci e dal Comune etneo, nell’ambito delle azioni nel settore promosse dal ministero dell’Ambiente. “La città del futuro”, ha aggiunto, “è quella dove c’è finalmente un equilibrio tra necessità di sviluppo e innovazione. La cosiddetta ‘smart city’ con cittadini che la vivono e non la subiscono”. Per Di Primio al momento “è impossibile immaginare città senza auto”, ma che “è possibile immaginare uno spazio dove le città hanno uno spazio importante e che non invade quelli che devono rimanere ad appannaggio dei cittadini”.

“Ancora oggi in Italia”, ha osservato, “troppo spesso abbiamo una mobilità corta, nel raggio di tre chilometri in cui si usa l’auto e in più persone, un’abitudine da cambiare”. Su mezzi pubblici ‘ecologici’ Di Primio ha ricordato che “ci sono finanziamenti europei da sfruttare”, ma ha rilevato come sia importante “anche sostenere il trasporto pubblico e oggi”, ha detto, “subiamo ancora tagli sul plafond dei chilometri assegnati alle Regioni e questo vuol dire che da una parte si dice che ci vogliono più mezzi e trasporto pubblici e dall’altra si tagliano chilometri importanti affinché ci sia il loro utilizzo”. “L’Anci”, ha ricordato inoltre, “ha un’idea diversificata degli interventi: per città piccole, medie e metropolitane”. I lavori sono stati aperti dagli interventi del sindaco di Catania, Salvo Pogliese, e dell’assessore della Regione Siciliana, Manlio Messina.