The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Un pomeriggio di cultura al supermercato, presentato il libro “Tredici. Confessione poetica”

Un pomeriggio di cultura nel supermercato. Un originale e interessante evento quello che si è svolto nel supermercato di via Sallustio organizzato da Fabbricacultura in collaborazione con PingueConad. Tra clienti intenti a fare la spesa, semplici cittadini, appassionati di cultura, curiosi, in tanti si sono fermati ad assistere alla presentazione del libro  “Tredici. Confessione poetica” di Raffaele Giannantonio, docente dell’Università Chieti-Pescara, le cui poesie sono state lette da Mario Massari con l’accompagnamento musicale di Angelo Ottaviani. Oltre all’autore sono intervenuti Anna Berghella, presidente di Fabbricacultura, Valeria Di Felice, Editrice, Gianni Oliva, professore dell’Università D’Annunzio. <E’ la prima volta che presento un libro in un supermercato e mi ha convinto Fabio Spinosa Pingue che ringrazio> ha detto il professor Giannantonio <I miei dubbi erano legati solo alla capacità delle mie poesie di attrarre e conservare l’attenzione degli spettatori in uno spazio insolito come un supermercato. Mi attraeva, invece, il gusto della sfida. Grazie alla bravura del professor Gianni Oliva, di Mario Massari e di Angelo Ottaviani -ed anche alle poesie stesse, credo – la sfida è stata vinta. E’ stato davvero bello vivere questa emozione in mezzo a tante persone>. Spazio, poi, ad un secondo momento, con la professoressa Palma Crea che ha commentato alcune tra le tantissime frasi dedicate alla donna, raccolte nelle urne del supermercato di via Sallustio, scritte, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, da ragazzi, uomini, nonne, anziani, casalinghe, professionisti, pensionati, adolescenti e bambini. Un modo originale per premiare la creatività di 9 poeti improvvisati, clienti autori degli aforismi in concorso, che hanno ricevuto un buono spesa di 20 euro, un attestato e il libro di poesie presentato. Un evento, in un luogo insolito, per aprire una finestra sul mondo della letteratura, attraverso la poesia, toccando anche le problematiche attuali della donna, commentando, inoltre, in maniera accattivante e interessante parole che provengono dalla quotidianità, tratte dal cuore della gente qualunque.<Mi ha fatto molto piacere vedere che la manifestazione è piaciuta molto> ha detto Anna Berghella, presidente di Fabbricacultura <Un evento questo inconsueto che ha regalato un momento di cultura in un luogo insolito. Continua il progetto di Fabbricacultura, coinvolgendo più persone di diversi settori, sdoganando luoghi insoliti in cui fare cultura, come avviene nelle grandi città>.