The news is by your side.

Università, diminuiscono le iscrizioni. In Abruzzo calano le immatricolazioni, gli studenti si spostano al nord

Pescara. Meno giovani in Italia scelgono l’istruzione terziaria, in particolare al Sud. Quelli che decidono di proseguire gli studi, si dirigono in numero sempre maggiore verso le universita’ del Nord. L’Abruzzo segue le stesse dinamiche. Quali sono i fattori all’origine di queste scelte? L’andamento delle immatricolazioni puo’ essere analizzato con riferimento alla “residenza” degli studenti, che e’ una misura della propensione all’istruzione terziaria da parte dei neodiplomati (l’Italia e’ uno dei paesi con la piu’ bassa incidenza di laureati sulla popolazione), oppure per localizzazione dei corsi di laurea, una misura del grado di attrattivita’ delle universita’ e dei territori in cui sono inserite (che vede recedere gli atenei meridionali anche a causa di una piu’ intensa mobilita’ territoriale all’atto dell’iscrizione degli studenti). L’Abruzzo rispecchia tali tratti distintivi. I dati piu’ recenti, si legge in una nota del Cresa (Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali istituito dalle Camere di Commercio d’Abruzzo), indicano un recupero ma le perdite accumulate in più di un decennio sono notevoli, soprattutto al Centro e al Sud. L’avanzamento nel grado di istruzione e la mobilita’ degli studenti universitari hanno forti implicazioni per lo sviluppo locale. Tuttavia, cosa succede se la migrazione degli studenti all’interno di un paese segue solo un flusso unidirezionale da certe regioni verso altre? E ancora: come si spiega questo andamento? Dopo una fase di declino durata oltre un decennio (64.000 immatricolati in meno, -20%), nel 2014 le immatricolazioni nelle università italiane hanno ripreso a crescere. Il calo degli immatricolati abruzzesi (-40%) e’ stato più consistente della media nazionale (solo in provincia di Teramo la flessione e’ stata relativamente meno intensa). A L’Aquila, il calo delle immatricolazioni ha interessato maggiormente i piu’ giovani (18-20 anni). Su questo andamento, rileva il Cresa,  ha pesato il venir meno di alcuni effetti della riforma del 3+2, che aveva alimentato un temporaneo aumento degli studenti con pregresse esperienze di lavoro, in Italia strutturalmente molto pochi. Il calo ha pero’ coinvolto anche i piu’ giovani, per i quali ha pesato soprattutto la debole dinamica demografica e l’aumento dell’incidenza dei giovani immigrati (al Nord soprattutto), i cui tassi di immatricolazione sono molto più bassi della media.

Si e’ tuttavia ridotta anche la propensione a proseguire gli studi dei giovani di nazionalita’ italiana. All’origine vi sono fattori collegati alla crisi economica (forte calo del reddito familiare, crescita del rapporto tra tasse universitarie e redditi medi, riduzione del sostegno al diritto allo studio). Le immatricolazioni sono diminuite soprattutto negli atenei del Mezzogiorno, anche per un’accresciuta propensione tra gli immatricolati a spostarsi verso gli atenei del Nord. Questa accresciuta mobilita’ territoriale ha contribuito ad ampliare i divari territoriali (il calo per gli atenei meridionali e’ stato piu’ ampio di quello fatto registrare dai residenti nel Mezzogiorno e per oltre il 70% tale flessione ha interessato i giovani tra i 18 e i 20 anni). Lo spostamento coinvolge oggi circa un terzo degli studenti del Sud mentre la quota di neodiplomati abruzzesi che si dirige verso universita’ del Centro-Nord e’ passata in un decennio dal 25% al 40%. Un decennio fa, mentre per gli studenti aquilani la mobilita’ a piu’ lungo raggio verso le universita’ settentrionali era pressoche’ trascurabile (2% delle immatricolazioni) essa appariva gia’ particolarmente diffusa tra i residenti nelle province di Chieti e Pescara (9%) e in misura inferiore a Teramo (6%). Nel contempo – prosegue la nota – si e’ ridotto l’interesse verso gli atenei regionali, azzerando di fatto il saldo migratorio positivo di cui l’Abruzzo ha a lungo beneficiato. Il recente, seppur modesto, miglioramento di questo quadro, sia con riferimento alle condizioni di reddito delle famiglie sia all’impegno statale per il sostegno allo studio, ha comportato anche una certa ripresa delle immatricolazioni, in particolare nel Nord ma anche nelle regioni meridionali. Nelle regioni meridionali la riallocazione delle quote di mercato ha sfavorito le universita’ piu’ periferiche ma anche le principali universita’ abruzzesi. Gli atenei dell’Aquila e Pescara hanno perduto posizioni importanti in tutti e tre i bacini di provenienza: in particolare, l’universita’ D’Annunzio, pur confermandosi come la principale sede di riferimento per gli studenti provenienti dal Mezzogiorno, mostra un arretramento di 7 punti percentuali rispetto a dieci anni prima mentre L’Aquila vede sostanzialmente dimezzarsi il proprio peso. Teramo sembra invece accrescere moderatamente il proprio peso soprattutto come attrattore di studenti dalle regioni centrali.