The news is by your side.

Vacca (M5S), per l’Abruzzo insufficienti le assunzioni previste nella scuola

L’Aquila. “Dopo il caos delle assunzioni della ‘buona scuola’, con le scuole obbligate ad accogliere docenti di materie non richieste, il ministro Giannini continua a dare i numeri e omettere le realta’ scomode: il governo sta tagliando l’organico della scuola e la ‘supplentite’ che, a chiacchiere, dicevano di voler eliminare, si estendera’ ulteriormente nei prossimi anni”. E’ quanto sostiene l’on. del M5S Gianluca Vacca, capogruppo della VII Commissione “Cultura, istruzione e ricerca”. scuola“Il titolare del Miur, intervistato ieri da la Repubblica – prosegue il parlamentare abruzzese – si vanta per il fatto che saranno 63.712 docenti assunti tramite concorso per i prossimi tre anni (1200 dovrebbero essere riservati alla nostra regione). Saranno dunque assunti circa 21 mila docenti all’anno, 400 per l’Abruzzo: una cifra a mala pena sufficiente a coprire il normale turn over della scuola, ma che non tiene conto ne’ delle cattedre ancora scoperte, ne’ del fatto che molte previsioni parlano dagli anni 2017-2018 di un’ondata eccezionale di pensionamenti nel comparto istruzione: soprattutto per la nostra regione, dall’anno prossimo e’ previsto il pensionamento di migliaia di docenti. Stando cosi’ le cose, dunque – posegue il deputato – l’organico scolastico non verra’ rinforzato, ma ridotto, e le cattedre senza docenti aumenteranno notevolmente. Inoltre la platea complessiva dei partecipanti al concorso, vale a dire gli abilitati con molti anni di supplenza, pero’ sara’ almeno di circa 200 mila docenti. E per quel che riguarda i due terzi degli insegnanti che non saranno stabilizzati? Non una parola da parte di Giannini. Saranno dunque abbandonati al loro destino? Al di la’ della solita retorica del governo – conclude Vacca – questa e’ la realta’ dei fatti”.