The news is by your side.

Vaccinazioni per il Covid19, Smig: subito a tutti i medici di famiglia

Appello a personale sanitario per adesione di massa al piano

“In questo momento la vaccinazione non è obbligatoria, ma noi stiamo lanciando un appello affinché gli operatori sanitari si vaccinino in massa, a partire dai medici di famiglia, lo scrive in una nota il presidente della della Società italiana di Medicina generale (Simg) Claudio Cricelli. Che spiega: “Effettuare il vaccino per noi medici è un obbligo morale: innanzitutto dobbiamo dare il buon esempio a tutta la cittadinanza, anche in vista della fase più difficile, in cui si dovrà convincere tutta la popolazione a vaccinarsi; in secondo luogo, è indispensabile che i medici siano protetti, perché svolgono una funzione indispensabile, infine, un medico protetto è una garanzia anche nei confronti delle altre persone”.

Cricelli sottolinea poi che i medici di Medicina generale “saranno determinanti per il successo della campagna vaccinale informando tutti i loro pazienti, profilando i cittadini da sottoporre a vaccinazione , osservando le reazioni vaccinali nel breve, medio e lungo termine”.

Inoltre, dice il presidente Simg riferendosi alla vaccinazione, L’operazione non si limita a una semplice puntura: ogni soggetto dovrà essere esaminato per capire quali siano le sue condizioni e se siano presenti delle controindicazioni; successivamente, dovrà rimanere sotto osservazione nell’immediato per almeno 15-20 minuti; nei giorni seguenti, vi sarà un importante coinvolgimento proprio dei medici di famiglia, che dovranno monitorare i possibili effetti collaterali caratteristici delle vaccinazioni, quali dolori o un po’ di febbre”.