The news is by your side.

Verso il voto, Piccone punta al raddoppio e passa il testimone a Verrecchia,

Filippo-Piccone-e-Massimo-VerrecchiaAvezzano. Cosa accadrà il 27 maggio? Sono in molti a chiederselo. Gli scenari politici in questi giorni frastagliati e se vogliamo intrecciati dovranno inequivocabilmente cambiare a partire proprio da martedì. L’onorevole Filippo Piccone, se eletto all’europarlamento, dovrà lasciare Montecitorio per volare a Bruxelles. Al suo posto, però, arriverà un altro marsicano: Massimo Verrecchia. La poltrona occupata da Piccone alla Camera, infatti, sarà occupata da Verrecchia primo dei non eletti nelle politiche di febbraio 2013 per una manciata di voti. Per i candidati presidenti non è chiaro ancora cosa faranno. Luciano D’Alfonso, Gianni Chiodi, Sara Marcozzi e Maurizio Acerbo se non eletti potrebbero tornare ai loro lavori, funzionario, commercialista, avvocato e impiegato. Per i candidati alla carica di consigliere, se eletti, potrebbero lasciare le doppie cariche. Sono in molti, infatti, i candidati che potrebbero avere una doppia carica, sindaco – consigliere regionale, consigliere provinciale – consigliere regionale, o addirittura amministratore, segretario di partito, o dirigente di società compartecipate dalla Regione. Gli scenari fino a quando le urne non saranno chiuse sono ancora nebulosi. Attendiamo di sapere come gli abruzzesi i esprimeranno in questa importantissima tornata elettorale.