The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Via libera alla bonifica delle discariche nelle aree limitrofe di Bussi, il Tar rigetta il ricorso di Edison

Pescara. Via libera alla bonifica delle discariche 2A e 2B e sulle aree limitrofe che rientrano nel perimetro del Sin Bussi dal Tar Pescara che ha rigettato il ricorso di Edison contro il provvedimento della Provincia di Pescara. A renderlo noto è l’ex presidente dell’ente, Antonio Di Marco, secondo il quale “entro 30 giorni saranno avviate le operazioni di bonifica sui nove ettari di terreno inquinato”. “L’ Edison Spa si era opposta con una vastità di argomentazioni”, spiega in una nota, “che il Tar ha respinto punto su punto ed aveva anche cercato di far gravare gli oneri di bonifica sul gruppo Solvay, che però a sua volta si è detto estraneo.

Alla Edison Spa è stata criticata la dispersione nell’ambiente di sostanze inquinanti (metalli, soprattutto piombo, mercurio, arsenico, rame, alluminio e ferro; composti clorurati, quali Tetracloroetilene, Tricloroetilene e Cloroformio, Idrocarburi C<12 e C>12 e IPA, riconducibili alle produzioni e alle sostanze impiegate durante il periodo di proprietà e gestione diretta di Montedison) fin dagli anni ’60. La società è stata condannata anche a farsi carico delle spese legali sostenute dalla Provincia”.

“Non posso che esprimere immensa soddisfazione per questa decisione del Tar”, dichiara Di Marco, “dopo l’ordine di bonifica fatto a Bolognano e che la Edison Spa sta eseguendo, arriva quest’ulteriore risultato per le ex discariche 2A e 2B ed aree limitrofe, rientranti nel perimetro del SIN Bussi, che ci dà pieno riconoscimento del coraggio e della fermezza con cui ci siamo battuti per affermare le nostre ragioni. Un traguardo eccezionale per il nostro territorio, che troppo a lungo ha subito questa grave criticità ambientale”.